Cronaca, Giustizia, Politica, Storia

23 MAGGIO 1992 – 23 MAGGIO 2015 PER NON DIMENTICARE MAI!

“Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così. Solo che, quando c’è da rimboccarsi le maniche e incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è allora che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare.”

“La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”

Giovanni Falcone

Il pomeriggio del 23 maggio 1992 il giudice antimafia Giovanni Falcone atterrava a Punta Raisi, su un volo da Roma. Lo attendevano la sua scorta e la moglie,Francesca Morvillo. Pochi minuti dopo le Fiat Croma e la Thema blindate imboccavano con sirena e lampeggianti l’autostrada A2 verso Palermo. Al volante di una delle auto c’è Falcone, a cui piace guidare veloce . Accanto a lui la moglie e dietro l’autista Giuseppe Costanza.

Alle 17,56 il convoglio è all’altezza dello svincolo di Capaci, a tutta velocità su un cavalcavia che già due settimane prima era stato imbottito di tritolo dagli uomini di Cosa Nostra. Agli ordini della cupola dei Corleonesi, i “picciotti” agivano già in un quadro di guerra mossa dalla mafia allo Stato. Pochi mesi prima era stato uccisoSalvo Lima e le condanne del maxiprocesso di Palermo erano state confermate. La situazione politica del paese passava attraverso la bufera di tangentopoli e tra le picconate del dimissionario Francesco Cossiga. 

Falcone, uno dei protagonisti della stagione del processo, è già condannato a morte. Avrebbero potuto ucciderlo a Roma, ma la morte in Sicilia e l’esplosione avrebbero avuto un effetto maggiore, da vera e propria dichiarazione di guerra da parte di Cosa Nostra. 

Passano solo sei minuti dall’uscita della scorta dall’aeroporto all’esplosione sul cavalcavia. Giovanni Brusca, appostato sulla collina di fronte all’autostrada,  preme il detonatore con un minimo ritardo. 500 chili di tritolo cambiano la storia del Paese. La prima macchina di scorta è scagliata a quasi 100 metri di distanza. Muoiono gli agenti di scorta Vito Schifano, Antonio Montinari e Rocco Dicillo. La macchina guidata da Giovanni Falcone si schianta nel cratere profondo oltre un metro scavato dalla bomba. Il motore della Croma lo investe, la moglie Francesca è riversa sul cruscotto. L’autista Giuseppe Costanza è ferito, così come gli agenti della terza auto e altre 20 persone coinvolte nell’esplosione mentre transitavano sull’autostrada. Giovanni Falcone e Francesca Morvillo muoiono un’ora dopo in ospedale. Il più grave attacco della mafia dei Corleonesi alle istituzioni era cominciata e proseguirà fino all’anno successivo con gli attentati di Firenze, Roma e Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *