Senza categoria

275, LA STORIA INFINITA. FONDI A RISCHIO. VERTICE A ROMA TRA ANAS ECAPONE.

275, l’appalto non si sblocca: vertice a Roma. Fondi a rischio

Incontro a Roma al Ministero delle Infrastrutture per la Statale 275. Dopo il Consiglio di Stato, Anas valuta di affidare l’opera a Matarrese. Il rischio di ulteriori ricorsi mette in forse i fondi.

275

LECCE- Rischio di perdita del finanziamento per la ss 275: se ne è discusso in un incontro informale a Roma, presso il Ministero delle Infrastrutture. Presente in mattinata l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, che ha anche esposto l’ipotesi di una variante in corso d’opera per il tratto di Tricase.
La faccenda è delicata, perché a pesare c’è la sentenza con cui il Consiglio di Stato, a luglio, ha portato a galla la “macroscopica illegittimità” in base

alla quale sono state ammesse alla gara la Ccc – Igec, risultata prima, la Ati Grandi Lavori – Finconsit e la Ati Salini, rispettivamente seconda e terza in graduatoria. Dunque, quell’opera andava affidata alla quarta arrivata, l’ati Matarrese-Coedisal Palumbo.
E ora Anas deve ancora decidere se annullare l’affidamento, in autotutela, o se confermarlo e risarcire la Matarrese e la Palumbo con 10 milioni di euro. Che sembri orientata su quest’ultima ipotesi lo confermerebbe il fatto che ad oggi Anas non abbia ancora approvato il progetto esecutivo presentato da Ccc. il rischio è che, a questo punto, si possa aprire una nuova spirale di ricorsi, con allungamento dei tempi e possibile scadenza delle autorizzazioni già incassate. “E’ un pericolo fondato se le procedure non si concluderanno in tempi brevi. Le risorse devono restare al Salento”, ha confermato la Capone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.