Tricase

A PROPOSITO DI LAVARE LA TESTA ALL’ASINO…

TRICASE – Voglio essere subito chiaro e liberare il campo da ogni dubbio. Io nell’articolo/sfogo dal titolo  “A LAVARE LA TESTA ALL’ASINO SI PERDE IL TEMPO L’ACQUA E IL SAPONE” non ce l’avevo e non ce l’ho con “Il Volantino”.

Anzi, al “Volantino” sono grato perche’ e’ proprio grazie a loro se oggi c’e’ Tricasenews, sembrera’ strano, ma e’ così e non lo dico per piaggeria.

Cosi’ come allo stesso modo sono grato all’Avvocato Distante Alessandro che per primo mi ha consentito di misurarmi, facendomi scrivere tanto tempo fa e per piu’ volte sul suo giornale, da li’ poi pian piano e’ nata l’idea di fare qualcosa di mio.

Il passaggio che si presta ad essere equivocato e’ questo: “Poi se Sindaco, Assessori e Consiglieri di Tricase, fatta eccezione per pochi, credono che ancora la comunicazione sia solo quella cartacea e sia sempre la solita a cui cercare di dare importanza anche quando gli argomenti si sviluppano su internet ci si puo’ fare davvero poco”.

Il mio era soltanto uno sfogo per essere stato ignorato volutamente o meno, oramai non mi importa, da chi nella maggioranza ha redatto il comunicato stampa per rispondere a Nunzio Dell’Abate sulla questione dell’aumento della Tari.

Quando menziono “la comunicazione sia solo quella cartacea e sia sempre la solita” non intendo attaccare ne’ disprezzare nessuno tanto meno Il Volantino, bensi’ evidenziare il fatto che la polemica sulla Tari era nata su internet (Tricasenews) ed era finita sulla carta stampata (Il Volantino), cosa non logica a mio avviso, lamentandomi del fatto che mi era stato promesso il suddetto comunicato, senza contare il fatto che i lettori di Tricasenews sono rimasti a meta’, solo e soltanto quello, nulla di piu’ e nulla di meno.

Se si e’ capito che ce l’avessi con chi fa informazione a Tricase da tanti anni offrendo un servizio gratuito e puntuale alla comunita’, da cui c’e’ solo da imparare e portare a casa presento le mie scuse all’Avvocato Distante ed alla redazione tutta nella speranza che siano accettate di buon grado con la speranza che la presente serva a chiarire tutto.

Carlo Mammolo 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *