• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Alessano, Pallavolo, Sport

AURISPA ALESSANO, GRANDE VITTORIA CONTRO LA CAPOLISTA ROMA

"Vittoria di prestigio contro la capolista Roma". Partita spettacolare tra Aurispa Alessano e Ceramica Globo Gcf Roma. Ad avere la meglio è stata la formazione di Tofoli

TRICASE/ALESSANO – La prima giornata di ritorno del campionato di serie A2 UnipolSai si apre all’insegna del rosso, colore simbolo della lotta contro la violenza sulle donne,  visibile sul petto dei dirigenti e degli arbitri  dal fiocchetto rosso, e dalle rose che i due capitani si scambiano durante i saluti iniziali in ricordo di Federica e del piccolo Andrea. E modo migliore non poteva esserci per ricordare Federica ed Andrea, le due squadre offrono uno spettacolo degno della cornice di pubblico presente al Palasport e sono protagoniste di scambi spettacolari che esaltano le qualità delle due squadre. Alla fine vince Alessano, che sfodera una prestazione di spessore e gioca una pallavolo di ottimo livello, ma Roma conferma di essere prima in classifica non per caso lottando su tutti i palloni.

Formazioni confermate con Tofoli che si affida alla diagonale Alberini-Culafic, Tomassetti e Usai al centro, Lipinsky e Lazzaretto in banda e Bisci libero.

Spanakis risponde con Zoppellari- Padura Diaz, Pollock e Franceschini al centro,Tiozzo e Snippe in banda e Romiti libero.

Partenza sprint per i padroni di casa che forzano molto al servizio mettendo in grossa difficoltà la ricezione capitolina (7-3), Snippe con un doppio ace porta i suoi a -1. E’ ancora un ace, questa volta di Franceschini a dare la parità a Roma, ma Culafic ed Alberini ridanno un break di vantaggio ai padroni di casa (10-8). Ancora Culafic porta avanti l’ Aurispa di 3 (18-15) e Spanakis si rifugia nel primo discrezionale, Lipinsky dà un ulteriore punto ai suoi (21-17) e il coach romano è costretto al secondo time out. Roma recupera un break e Tofoli chiama i suoi in panchina a rifiatare. Lipinsky,con un ace fortunoso dà il primo set point ad  Alessano. Padura Diaz lo annulla, ma è lo stesso cubano a dare il 25-22 ai padroni di casa con un errore in battuta.

Formazioni confermate nel secondo parziale e Roma che parte forte a muro (5-8) costringendo Tofoli a bloccare subito il gioco. Piccola reazione di Alessano che si porta a -1, ma gli ospiti spingono forte e dilatano il vantaggio (12-17). E’ ancora il muro a spingere Roma in avanti, Alessano lascia campo libero agli avversari che chiudono agevolmente per 17-25 grazie ad un errore al servizio di Culafic.

Alessano inizia il terzo set sulla falsariga del primo, picchiando forte dai nove metri, due ace di Lazzaretto e un muro di Lipinsky danno il 5-1 e Spanakis blocca subito il gioco. L’Aurispa insiste nel forzare la battuta e si mette nelle condizioni di arginare gli attacchi ospiti con una buona correlazione muro-difesa. Culafic aumenta il vantaggio dei suoi (13-6) e Spanakis ricorre al secondo discrezionale. Franceschini in battuta fa segnare un parziale di 0-3 in favore di Roma costringendo Tofoli a bloccare il gioco. Alessano inizia a sbagliare e permette agli ospiti di avvicinarsi. Un block di Padura su Lipinsky e  un attacco di Snippe dà il primo vantaggio del set a Roma (15-16) e Tofoli chiama il secondo discrezionale.  Al rientro in campo sono gli ospiti a sbagliare e Alessano riprende 4 punti di vantaggio (21-17). Gli ospiti riducono lo svantaggio ma Alessano regge e chiude il set sul 25-23.

Il quarto set si apre  con un infortunio a Bisci, costretto a lasciare il terreno di gioco per qualche scambio, favorendo l’esordio del 2002 Morciano. Roma tenta la fuga ma l’Aurispa tiene botta e rimane incollata ai rivali, Lipinsky e Culafic picchiano duro e danno un break di vantaggio (15-13) con Spanakis che chiama time out. Al ritorno in campo le squadre se le danno di santa ragione con scambi spettacolari che esaltano il pubblico, i due allenatori si marcano stretti bloccando il gioco appena una squadra prende un punto di vantaggio. In battuta Padura Diaz mette in difficoltà uno stoico Bisci e dà il doppio vantaggio ai suoi (21-23) con Tofoli che blocca nuovamente il gioco. Alessano ricuce lo strappo e come logica conseguenza di un parziale tiratissimo si va ai vantaggi e sono i padroni di casa che hanno il guizzo vincente con un muro di capitan Tomassetti che chiude sul 32-30 dando ai suoi una vittoria meritata contro la capolista.

Mister Tofoli: “Abbiamo iniziato bene il girone di ritorno, una vittoria contro la prima in classifica, una squadra molto forte ed equilibrata, penso sia la migliore partita fino ad ora. Devo fare i complimenti ai ragazzi e ringraziare il meraviglioso tifo. Adesso dobbiamo restare con i piedi per terra, perché il cammino è ancora lungo, e il prossimo successo mi auguro sia una vittoria fuori casa. C’è stato qualche insulto in campo, e all’arbitro ha dato fastidio, questo ha causato l’espulsione di Luca De Pascalis. Ma queste partite non sono facili da arbitrare con questo tifo potente, però hanno fatto un buon lavoro, il pubblico si è divertito. Ed ora che anche Riccardo Morciano ha avuto il suo esordio sul campo di serie A2, dovrà offrire le paste al prossimo allenamento

Note: Aurispa Alessano – Ceramica Scarabeo Gcf Roma 3 -1 (25-22, 17-25, 25-23, 32-30)

Aurispa  Alessano: Alberini  4 , Culafic 21, Usai 5 , Tomassetti 8 , Lipinski  23 , Lazzaretto 4 , Bisci (L); Cordano  , Lugli, Loglisci , Peluso n.e. , Morciano (L). All.:Tofoli; II° All.: Bramato

Ace 10 , Battute sbagliate 16 , Muri 9 , Ricezione 43% pos. 29% prf ; Attacco 43%

Ceramica Scarabeo Gcf Roma: Zoppellari 2 , Padura Diaz 21 , Pollock 12 ,Franceschini 14 , Snippe 13 , Tiozzo 14 , Romiti (L), Losco n.e.,Rau n.e. , Valenti n.e., Sacripanti  , Saturnino. All.: Spanakis; II° All.: Pastore.

Ace 10 , Battute sbagliate 18 , Muri 10 , Ricezione  49 % pos. 29 prf%; Attacco 51%

Arbitri : Davide Prati, Traversa Nicola.

Raffaella Caccioppola – Claudio Ciardo

Ufficio Stampa Pallavolo Azzurra Alessano

Ph: Marco Melcarne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *