• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Lavoro, Salento

CASSA INTEGRAZIONE, A MARZO NUOVA IMPENNATA DI RICHIESTE: +637% SU FEBBRAIO

SALENTO – A marzo tornano a salire le ore di cassa integrazione richieste dalle aziende salentine: +637% sul precedente mese di febbraio. Secondo il 3°Rapporto elaborato dal Servizio Politiche del lavoro della Uil, su dati Inps, ammontano a 287.816 le ore complessivamente autorizzate a marzo, contro le 39.009 di febbraio. Più nel dettaglio, la cassa integrazione ordinaria, con 122.960 ore, registra un incremento del +215% e quella straordinaria passa da zero a 164.856 ore autorizzate a marzo, mentre la cassa in deroga rimane a zero ore, come nel mese di febbraio (di fatto è in esaurimento perché è stata abrogata e sostituita dai Fondi di integrazione salariali).

Anche a livello pugliese le richieste di cig aumentano del 7,8%, ma è la provincia di Lecce a registrare l’incremento più alto (+637%): seguono Taranto (+148%) e Foggia (+110%), poi Brindisi (-64%) e Bari (-33%).

A livello nazionale, il dato leccese è secondo solo a quello di Lucca (+2.671%).

Sempre secondo il Rapporto Uil, nel primo trimestre dell’anno (gennaio-marzo) a Lecce e provincia sono state richieste 444.058 ore di cassa integrazione, in calo del -42,3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (769.874). Nel dettaglio, aumenta del 18,2% la cig ordinaria, mentre risultano in calo sia le richieste di cig straordinaria (-66,6%) sia quelle di cig in deroga (-100%). La diminuzione è in linea con il trend pugliese del primo trimestre (-43,4%).

Ilsettore con più alto numero di ore autorizzate, a livello regionale, è l’industria con 2,3 milioni di ore (-56,6% rispetto al I trimestre 2017), seguita dal commercio con 735.268 ore (-16%), dall’edilizia con 692.381 ore (+85%) e dall’artigianato con 7.600 ore (+74%).

A questi dati, ricorda la Uil, devono aggiungersi, però, quelli relativi ai Fondi di Solidarietà che, con l’aggiornamento di marzo, mostrano a livello nazionale una consistente richiesta di prestazioni. Nel dettaglio: al FIS (Fondo di integrazione Solidarietà) risultano pervenute 28 milioni di ore richieste, per un totale di lavoratori interessati pari ad oltre 121 mila; al FSBA (Fondo di solidarietà bilaterale per l’artigianato) le domande di prestazione sono 10.251,  per circa 29 mila lavoratori; agli altri Fondi di Solidarietà sono pervenute richieste per oltre 6,2 milioni di ore, per complessivi 317 mila lavoratori. 

«Preoccupa l’aumento registrato nella nostra provincia a marzo, fra i più alti in Italia e in controtendenza con la media nazionale (-5,3% su febbraio)», commenta Salvatore Giannetto, segretario generale Uil Lecce. «A completare un quadro tutt’altro che positivo – sottolinea – c’è poi l’incremento consistente delle richieste di accesso ai Fondi di integrazione salariale, ma anche la fotografia dell´aumento delle domande di disoccupazione nel I bimestre 2018, che si concentrano in maniera più marcata nel Mezzogiorno dove assorbono il 37,5% del totale». 

«Di fronte a questa situazione – sostiene il segretario Uil – è quanto mai urgente che si intervenga sulla corretta modulazione degli ammortizzatori sociali al fine di gestire con intelligenza i delicati processi di ristrutturazione aziendale e che diversamente produrrebbero l’effetto traumatico dei licenziamenti. L’auspicio – conclude – è che il senso di responsabilità orienti l’azione delle nostre istituzioni: occorrono politiche attive del lavoro capaci di rilanciare l’occupazione stabile, una migliore capacità di spesa dei fondi europei, sostegno alle nuove aziende e investimenti concreti nelle infrastrutture, fondamentali per rilanciare la crescita delle nostre imprese e di tutto il territorio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *