• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cultura, Eventi, Musica

CORSANO 7 AGOSTO – LA SAGRA AGRESTE…

La Sagra Agreste

Dopo lo straordinario successo degli scorsi anni, ritorna con i suoi piatti tipici e i travolgenti ritmi della musica tradizionale la “SAGRA AGRESTE”, un evento organizzato dalla Pro Loco di Corsano.
La festa è ambientata nel tipico scenario campestre, alle porte del centro abitato, in una scenografia ricca d muretti a secco, ulivi, pajare.
Partendo dalla manifestazione culinaria, che propone i piatti tipici della tradizione locale, la serata si svolge come una vera festa dedicata alla riscoperta dei valori popolari e della ruralità.
La serata è allietata dall’esibizione dalla compagnia di danza popolare “Tarantarte” e dal concerto del gruppo musicale
Il tema agreste della sagra è riproposto nelle pietanze offerte durante la manifestazione: si tratta di pasti prevalentemente poveri, legati alla tradizione contadina.
La paparotta, ad esempio, che costituisce il piatto forte della sagra corsanese, in passato rappresentava un pasto completo, ed è composto da verdure e legumi vari, cotto con pane raffermo.
Altre specialità, sono rappresentate da pasta fatta a casa, sformati, e stufati a base di verdure, legumi ed ortaggi locali, e poi carne arrostita e frittura di pesce fresco e le tradizionali pittule.
Quest’anno la Pro loco ha stabilito di destinare i proventi della manifestazione alla realizzazione del Carnevale di Corsano.

L’incontaminato litorale corsanese offre una fascia costiera rocciosa, in declivio verso il mare, talvolta a picco, ricca di macchia mediterranea.
Il centro del paese è caratterizzato dalla presenza del castello seicentesco e dellachiesa S. Sofia, ricostruita in stile romanico nel 1939.
Nella zona centrale, inoltre, sono presenti diverse cappelle del XVII sec., come lacappella di S. Biagio, dei Santi medici, di Santa Teresa, di S. Bartolo.
Il territorio di Corsano, è caratterizzato da antichi tratturi campestri, tra i quali risultano particolarmente interessanti e pittoreschi due percorsi, trasversali tra loro; uno corre parallelamente alla linea di costa, dominando la serra, l’altro, denominato “La via del sale“, taglia il territorio da mare verso il paese, ed era percorso, in epoche passate, dai “briganti del sale”.

La pratica della produzione del sale comunque era molto diffusa, anche se in proporzioni decisamente inferiori, in molte località costiere caratterizzate da scogliere rocciose. La presenza di cavità naturali e della bassa marea consentivano di raccogliere il sale dopo l’essicazione dell’acqua marina che rimaneva all’interno, rappresentando sicuramente un’ottima maniera per risparmiare del denaro. In molti si recavano nella mattinata presso la costa per procurarsene un pò, illegalmente.
Curiosamente gli abitanti di Corsano sono denominati “carcagni tosti” (calcagni induriti), denominazione associata sia all’economia del paese che, in passato molto povera, costringeva i corsanesi a spostarsi nei comuni vicini a piedi per cercare lavoro, sia perchè i corsanesi erano abituati a camminare a piedi nudi sugli ispidi scogli della costa durante le scorribande provocate per via del contrabbando del sale, una delle poche fonti di sostentamento per la povera comunità nei primi anni del ‘900.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *