Altri comuni, Cronaca

COSTONE DEL CIOLO, LA PROCURA STOPPA I LAVORI E AVVISA IL SINDACO.

Il Tar aveva dato via libera ai lavori di consolidamento del costone del Ciolo, rigettando ben due ricorsi della Sovrintendenza e di Legambiente che facevano notare il forte impatto ambientale a causa del troppo cemento e della perforazione della roccia con i chiodi e l’abnormita’ del progetto. 

Cosi’ l’amministrazione comunale di Gagliano del Capo facendosi forte di quelle sentenze aveva dato in nulla osta ai lavori per la messa in sicurezza di una delle zone piu’ belle, se non la piu’ bella e famosa del Salento, set privilegiato di numerosi registi e meta di bagnanti.

Non la pensa cosi’ invece la Procura della Repubblica di Lecce nelle persone dei sostituti procuratori Elsa Valeria Mignone e Antonio Negro che hanno dato disposizione di sequestro probatorio del cantiere appena partito per vederci chiaro.

Il sequestro e’ stato eseguito e notificato dagli uomini del Nucleo Ispettivo del Corpo Forestale dello Stato guidati dall’ispettore Panzera Antonio i quali contestualmente hanno recapitato anche un avviso di garanzia al sindaco di Gagliano del Capo, Antonio Buccarello, con l’ipotesi di deturpamento delle bellezze naturali. 122735666-43786a9c-e39f-4d7f-9b66-0ed4ea39e3f1  122735788-41e8a486-b959-4dc1-8efc-e95eda7916f3

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *