Economia

DAL 31 MARZO FATTURAZIONE ELETTRONICA PER TUTTE LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Dal prossimo 31 marzo la fatturazione elettronica entra a regime con l’estensione del provvedimento a Regioni, Province, Comuni, Comunità montane e a tutte le altre amministrazioni centrali.

Una circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze definisce nel dettaglio tutte le amministrazioni interessate dalla procedura e chiarisce ogni dubbio interpretativo.
 
La circolare specifica che rientrano nella lista tutte le amministrazioni dello Stato, comprese le scuole (di ogni ordine e grado) e quelle amministrazioni ad ordinamento autonomo, le istituzioni universitarie, le Camere di Commercio, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale, il Coni e tutti gli enti pubblici non economici compresi gli ordini professionali, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN).
 
Ricordiamo che l’obbligo di fatturazione elettronica per Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale è in vigore già dal 6 giugno 2014.
 
Tutti gli enti coinvolti quindi dovranno emettere, trasmettere, gestire e conservare le fatture esclusivamente in formato elettronico; non sarà più permesso infatti l’uso del cartaceo per tali documenti. 
 
A partire dal 31 marzo 2015 infatti tutte le fatture destinate alla Pubblica Amministrazione dovranno essere trasmesse in formato elettronico; entro tale data tutte le amministrazioni centrali e locali e gli enti coinvolti dovranno aver predisposto le strutture e la tecnologia per ricevere dai fornitori la fattura online.
 
In vista della scadenza l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e Digital Champions in collaborazione con Unioncamere, Infocamere, Asset Camera e Camera di Commercio, hanno organizzato eventi diformazione e supporto per il passaggio dal sistema analogico a quello digitale.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *