• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Solidarieta'

De Donno (Acli): “Dalla Puglia la piu’ grande misura per combattere l’emarginazione”

Il Presidente regionale delle Acli dopo la riconferma: “Diffondiamo la solidarieta’. Buona la norma del Reddito di Dignita’”?

Antonio De Donno, 48 anni, è stato rieletto dall’ultimo Congresso Regionale Presidente delle Acli di Puglia. De Donno è anche Consigliere nazionale delle Acli e Consigliere di Amministrazione del Caf Acli nazionale.

Presidente De Donno, in un tempo di crisi come l’attuale lo Stato Sociale sta perdendo la sua centralità. Come è possibile continuare a garantire l’inclusione sociale di chi è emarginato?

Una misura recente mi fa dire che, ad esempio, possiamo farcela con l’attuazione della nuova legge sul Reddito di Dignità ci vede in prima linea in quella che è la più grande misura di contrasto alla povertà. La Regione Puglia ha avuto il coraggio di crederci fino in fondo con una dotazione straordinaria ed in un panorama nazionale sconfortante, al partenariato socio economico e alle nostre Acli in primis il compito di favorirne l’attuazione realizzando il ruolo che la legge stessa ci assegna.

Cambia il Welfare e cambiano anche i sistemi di sostegno alla povertà. Come cambiano le Acli?

“Niente paura. Con le Acli attraversiamo il cambiamento”, è lo slogan di questa stagione aclista. In un momento storico che genera ansie e grandi incertezze la nostra capacità di essere associazione di prossimità quotidiana al cittadino alimenta il nostro impegno a diffondere cultura della solidarietà integrata da concreta progettualità sociale, per difendere un patrimonio culturale e valoriale indispensabile per costruire nuove e concrete opportunità di crescita.

E con quali strumenti intendete affrontare questo cambiamento?

Le Acli di Puglia accettano le nuove sfide con grande entusiasmo. I servizi storici, Caf, Patronato, Acliterra e tutte le Associazioni specifiche e servizi, reinterpretano il loro ruolo proponendosi attori del Welfare che cambia, declinando la riforma del Terzo Settore sulle caratteristiche ed esigenze della Puglia e dei Pugliesi, ponendosi al fianco di Chiesa ed Istituzioni nella lotta a vecchie e nuove povertà.

Il Terzo Settore può dunque essere importante nella ripresa economica. Qual è la linea indicata dal Congresso?

Le Acli si ripropongono rigenerate dopo la stagione congressuale come una grande associazione che pone il lavoro in tutte le sue accezioni al centro dell’azione quotidiana. Papa Francesco ci ha stimolati nell’Udienza dedicata alle Acli del 2015 a creare lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale, in un patto generazionale che tuteli chi ha già maturato i propri diritti ma generi speranza alle nuove generazioni che, senza la prospettiva di un lavoro, perdono la propria dignità di cittadini attivi e responsabili.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *