• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Tricase

DE GIUSEPPE: “C’E’ UNA TRICASE CHE NON MI PIACE”…..

C’è una Tricase che non mi è mai piaciuta e che continua a non piacermi anche ora che alcune battaglie sono diventate più comuni rispetto ad oltre quarant’anni di guerre quasi solitarie.

Non mi piaceva a suo tempo la DC arrogante e clientelare che tanti guasti ha causato nella gestione del territorio e della coscienza collettiva; non mi piacevano i craxiani di ferro, la loro sete di potere e denaro; ho rigettato i berlusconiani della prima e seconda ora come una definitiva maledizione sul nostro Paese che di tutto aveva bisogno tranne che del populismo becero misto alla supina accettazione della corruttela.

Non mi piacciono ora i nipotini di Bertinotti e Mastella che mascherati di vari colori sono al governo della città da oltre quindici anni, un po’ troppo legati ad una poltrona fatta di piccoli e grandi interessi. E neanche i nuovi guerriglieri dell’onestà che mancando di quel minimo di autonomia intellettuale mi fanno paura come tutte le chiese, le congregazioni e le sette.

Non mi piace il Piano Regolatore che non c’è da oltre cinquant’anni, non mi piace pensare che quando ci sarà, atto forzato da Enti esterni, sarà inutile, tanto sarà stato devastato il tutto che ci circonda.

Non mi piace che il depuratore scarichi al canale del Rio e che l’unico progetto immaginato sia la condotta a 1Km dalla costa, con la convinzione che i problemi si risolvano allontanando un po’ la merda.

Non mi piace che ancora tantissime case di Tricase Porto e Marina Serra non abbiano l’allaccio alla fognatura pubblica.

Non mi piace la gestione del Parco Otranto-S.M. di Leuca né il faraonico Piano Coste che pare scritto negli anni ’70 e non contiene nessuna visione originale, così come è allucinante vedere all’ingresso del paese le barriere antisuono in pietraio e legno (ormai cadenti) delle super-corrotte Ferrovie Sud-est (quando nel 2007 denunciai penalmente tale opera fui quasi deriso.

Non mi piace che rispetto alla strada 275 il nostro Comune abbia idee ondivaghe che invece di risolvere il problema con soluzioni semplici e rispettose dei luoghi (stop a Montesano) allunghino il brodo alimentando nuove polemiche; se c’è, non mi piace il piano traffico, né i marciapiedi di questa città, neanche la gestione dei parcheggi che da sempre pare un affare più importante di quello che realmente è.

Non mi piace che non ci sia una sola isola pedonale né un parco con qualche albero e quattro panchine.

Non mi piace che dopo tanti anni non vi sia un mezzo di trasporto pubblico che colleghi le frazioni e le marine di Tricase.

Non mi piace la raccolta della spazzatura che non tende all’ottimizzazione e al coinvolgimento di un’utenza che andrebbe educata e non presa in giro con qualche mancia elettorale.

Non mi piace chi abbandona oggetti e rifiuti nelle campagne, chi abbatte i muretti a secco e chi lottizza ovunque e comunque.

Non mi piace l’oblio delle periferie con gli scheletri delle case mai completate e la ghettizzazione della zona 167.

Non mi piace la statua di don Tonino in piazzetta Dell’Abate, dove fa orrore anche la postazione del bike-sharing, così come è indescrivibile la scelta e la bruttezza della casa in plastica costruita con il contributo del GAL in piazzetta du Puzzu.

L’abbandono della casa natia di Giuseppe Pisanelli in via Tempio è sintomatico dell’attenzione verso la nostra Storia, mentre nessuno analizza con le giuste competenze come abbattere definitivamente la casa/finto albergo sul costone del Porto, da decenni in stato di perenne pericolosità.

Non mi piace che la quercia Vallonea, simbolo di Tricase, quella dei Cento Cavalieri, resti ingabbiata dentro una bruttissima ringhiera d’alluminio, nel degrado che la circonda, né mi piace che gli unici alberi davvero salvaguardati siano quelli di Piazza Pisanelli che invece andrebbero trapiantati in altro luogo per far tornare la Piazza quella che era.

Non mi piace un Sindaco che molto ha promesso e poco ha mantenuto, che convive con un enorme conflitto d’interessi che fa guardare a tutti noi ogni atto con la lente del sospetto.

Non mi piace chi ha cenato prima con Berlusconi, poi con Casini e infine con Abaterusso pur di raggiungere primati personali imbevuti di noiosi e ripetitivi comunicati stampa.

Non mi piacciono di Tricase alcune persone sempre appollaiate sul tetto del vincitore, né mi diverte non farmele piacere. Non mi piace di Tricase l’assenza del lavoro e di chi non fa niente per crearlo per sé e per gli altri, né mi piace la distanza siderale delle scuole, di quasi tutti i professori e studenti dalle problematiche storiche della città.

C’è una Tricase che non mi piace, è vero, ma ce n’è anche una che mi piace, ma questo è un altro capitolo, nell’altra pagina del racconto.
Alfredo De Giuseppe

Pubblicato su Il Volantino del 21 maggio 2015 – concessoci dall’autore –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *