Ambiente, Politica, Salento, Tricase

DELL’ABATE: BUONE PRASSI…IL RIFIUTO COME RISORSA E NON COME PROBLEMA.

Una gestione sostenibile, dal punto di vista ambientale ed economico, dei rifiuti caratterizza l’azione politico-amministrativa di ogni Comune.

Spingere sulla riduzione del conferimento in discarica della frazione organica, che costituisce circa il 40% dei rifiuti solidi urbani, passa attraverso una capillare rete informativa e formativa ma soprattutto incentivando l’autocompostaggio, la buona prassi di trasformare lo scarto umido in utile concime naturale (compost).

Diversi Comuni hanno istituito l’Albo comunale degli Autocompostatori e garantito notevoli sgravi sulla TARI agli iscritti, organizzato corsi di apprendimento della tecnica e sottoscritto protocolli d’intesa con gli istituti scolastici per veicolare fra i ragazzi il messaggio di un approccio responsabile e sostenibile ai rifiuti che si producono in famiglia.

Altri Comuni hanno attinto a finanziamenti regionali per distribuire gratuitamente compostiere agli utenti domestici e non.

Altri ancora hanno stretto accordi con agricoltori e cooperative per trattare e consumare in loco il rifiuto umido e vegetale, consentendo così anche agli utenti, che non hanno la disponibilità di spazi verdi o il tempo necessario, di praticare il compostaggio e di trarne i benefici economici.

Alcune Amministrazioni hanno fatto installare, nei punti più frequentati e a costo zero, degli eco-compattatori per la raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggi in plastica e alluminio nei quali i cittadini possono conferire bottiglie, lattine e altri materiali del genere e ricevere dei punti/bollini con valenza di buoni sconto spendibili in esercizi commerciali convenzionati o di ricevuta di pagamento del parcheggio.

Altri Comuni hanno promosso dei centri per il riutilizzo, il riciclaggio e addirittura la riprogettazione del rifiuto.

Altri, ancora più virtuosi, hanno introdotto dei sistemi di tariffazione puntuale in base ai quali l’utente paga ciò che produce e che non è altrimenti riciclabile.

Buone prassi sicuramente da imitare che partono dalla considerazione del rifiuto come risorsa e non come problema.

Pubblicato su “Il Volantino del 8 maggio 2015 (concessoci dall’autore)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *