• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Regione Puglia

E-Commerce: piu’ che raddoppiate in 6 anni le aziende che vendono online. Corre la Puglia

Alla fine del 2015 sono 15mila, la rincorsa più veloce in Abruzzo, Puglia e Campania

Borse, cosmetici, accessori, gadget, abbigliamento, articoli per bambini e per la pesca. Ma anche auto e moto, casalinghi, vino, scarpe, biciclette, parquet, prodotti elettronici e farmaceutici, libri, occhiali, giocattoli fino alle “piante di acqua dolce”, ai sistemi di allarme e ai servizi di pompe funebri. E’ solo una piccola frazione di quello che si può comprare sul web attraverso le quasi 15mila aziende operanti nel settore delle vendite online che, a fine 2015, risultavano iscritte al Registro delle imprese delle Camere di commercio.  Il ritratto del fenomeno emerge dai dati elaborati da InfoCamere per Unioncamere, secondo i quali il ‘boom’ delle imprese di vendita via internet (circa 9mila imprese in più) corrisponde quasi alla perfezione all’intero saldo del settore del commercio nell’arco degli ultimi sei anni.

Confrontando il segmento delle vendite web con l’intero mondo del commercio, tra il 2009 e il 2015 le imprese della vendita al dettaglio attraverso internet sono infatti aumentate di 8.994 unità, pari ad una crescita del 151,6% (in media il 25,3% all’anno). Nello stesso periodo, l’insieme del settore del commercio al dettaglio – poco più di 870mila aziende – ha “guadagnato” solo 7.170 imprese, pari ad una crescita dello 0,83% nell’arco dei sei anni. Considerando anche chi vende all’ingrosso, l’intero comparto del commercio – costituito da 1,5 milioni di imprese – ha fatto un passo praticamente impercettibile: 1.876 aziende in più, lo 0,12%. Come dire che l’intera crescita – in termini di operatori – del commercio, si rispecchia nel saldo di quelli che hanno scelto il  web.

A guidare la corsa del commercio virtuale sono gli imprenditori abruzzesi (+260% le imprese con sede nella regione adriatica, nel periodo considerato), seguiti da quelli pugliesi (+218%) e da quelli campani (+202%). In termini assoluti, la crescita più consistente si registra invece in Lombardia (1.694 imprese in più nei sei anni), in Campania (+1.069) e nel Lazio (+983). La classifica delle prime tre regioni si rimescola, infine, guardando alle province: prima è Roma (1.384 le imprese con sede in provincia alla fine del 2015), seconda è Milano (1.260) e terza Napoli (897).

IMPRESE DEL COMMERCIO
Distribuzione delle imprese registrate per tipologia delle attività al 31 dicembre 2015 e confronti con il 2009
Valori assoluti e percentuali
Settore Registrate 2015 Registrate 2009 Saldo var.%

Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
14.927 5.933 8.994 151,59%
Totale commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli) 873.944 866.774 7.170
0,83%

Totale commercio (ingrosso+dettaglio) 1.551.851 1.549.975 1.876 0,12%

COMMERCIO AL DETTAGLIO DI QUALSIASI TIPO DI PRODOTTO EFFETTUATO VIA INTERNET
Imprese registrate per classe di natura giuridica al 31.12.2105
Classe di natura giuridica Società di capitale Società di persone Imprese individuali Altre
forme
Imprese registrate 3.892 1.072 9.811 152
Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese
COMMERCIO AL DETTAGLIO DI QUALSIASI TIPO DI PRODOTTO EFFETTUATO VIA INTERNET
Distribuzione regionale delle imprese registrate al 31 dicembre 2015 e confronti con il 2009
Valori assoluti e percentuali
Regione ANNO
2015 ANNO
2009 SALDI
2015-2009 Var. % 2009-2015
ABRUZZO 402 112 290 258,9%
BASILICATA 97 33 64 193,9%
CALABRIA 302 102 200 196,1%
CAMPANIA 1.598 529 1.069 202,1%
EMILIA ROMAGNA 1.178 469 709 151,2%
FRIULI-VENEZIA GIULIA 256 151 105 69,5%
LAZIO 1.744 761 983 129,2%
LIGURIA 275 137 138 100,7%
LOMBARDIA 2.787 1.093 1.694 155,0%
MARCHE 463 180 283 157,2%
MOLISE 49 25 24 96,0%
PIEMONTE 1.143 497 646 130,0%
PUGLIA 911 286 625 218,5%
SARDEGNA 236 132 104 78,8%
SICILIA 876 335 541 161,5%
TOSCANA 1.060 440 620 140,9%
TRENTINO – ALTO ADIGE 240 116 124 106,9%
UMBRIA 212 99 113 114,1%
VALLE D’AOSTA 17 17 0 0,0%
VENETO 1.081 419 662 158,0%
ITALIA 14.927 5.933 8.994 151,6%
Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

COMMERCIO AL DETTAGLIO DI QUALSIASI TIPO DI PRODOTTO EFFETTUATO VIA INTERNET
Distribuzione provinciale delle imprese registrate al 31 dicembre 2015 e confronti con il 2009
Graduatoria in valore assoluto per numerosità delle imprese in provincia

Provincia
2015 differenza 2015-2009 Var. % 2009-2015 Provincia
2015 differenza 2015-2009 Var. % 2009-2015

ROMA 1.384 777 128,0%    MESSINA 93 46 97,9%
MILANO 1.260 755 149,5%    RAVENNA 92 56 155,6%
NAPOLI 897 619 222,7%    MACERATA 90 60 200,0%
TORINO 665 372 127,0%    REGGIO CALABRIA 88 55 166,7%
SALERNO 366 230 169,1%    LIVORNO 85 42 97,7%
BARI 354 241 213,3%     ALESSANDRIA 84 45 115,4%
FIRENZE 328 209 175,6%    PORDENONE 80 41 105,1%
BRESCIA 297 191 180,2%    TERAMO 77 55 250,0%
BOLOGNA 268 133 98,5%    BIELLA 74 53 252,4%
BERGAMO 248 181 270,1%    FERMO 72 44 157,1%
CATANIA 248 165 198,8%    LECCO 69 38 122,6%
PALERMO 247 172 229,3%    VITERBO 69 40 137,9%
MONZA E BRIANZA 246 157 176,4%    FERRARA 67 46 219,0%
PADOVA 239 134 127,6%    RAGUSA 67 52 346,7%
LECCE 227 146 180,2%    TRAPANI 67 30 81,1%
VERONA 210 135 180,0%    BRINDISI 66 44 200,0%
MODENA 207 139 204,4%    CREMONA 66 45 214,3%
VARESE 206 107 108,1%    SIENA 65 47 261,1%
VICENZA 201 121 151,3%    TERNI 65 39 150,0%
TREVISO 199 117 142,7%    ASCOLI PICENO 61 39 177,3%
CASERTA 182 118 184,4%    POTENZA 60 36 150,0%
LATINA 168 99 143,5%    LA SPEZIA 54 27 100,0%
CAGLIARI 153 77 101,3%    AGRIGENTO 53 32 152,4%
VENEZIA 152 103 210,2%    CATANZARO 53 34 178,9%
PERUGIA 147 74 101,4%    PIACENZA 53 30 130,4%
RIMINI 144 100 227,3%    IMPERIA 48 27 128,6%
FOGGIA 141 108 327,3%    ROVIGO 48 32 200,0%
GENOVA 135 64 90,1%    SASSARI 48 10 26,3%
REGGIO EMILIA 133 73 121,7%    ASTI 47 29 161,1%
ANCONA 129 75 138,9%    TRIESTE 47 10 27,0%
BOLZANO 126 55 77,5%    BENEVENTO 46 27 142,1%
COSENZA 125 91 267,6%    SIRACUSA 45 13 40,6%
PAVIA 125 65 108,3%    VERBANIA 44 30 214,3%
PESCARA 124 89 254,3%    LODI 40 21 110,5%
TARANTO 123 86 232,4%    SAVONA 38 20 111,1%
PISA 114 57 100,0%    CALTANISSETTA 37 20 117,6%
TRENTO 114 69 153,3%    GROSSETO 37 22 146,7%
FORLI’ – CESENA 113 71 169,0%    MATERA 37 28 311,1%
PESARO E URBINO 111 65 141,3%    MASSA CARRARA 34 15 78,9%
COMO 108 54 100,0%    BELLUNO 32 20 166,7%
AVELLINO 107 75 234,4%    CAMPOBASSO 32 19 146,2%
CHIETI 103 72 232,3%    VERCELLI 32 15 88,2%
AREZZO 102 59 137,2%    GORIZIA 30 9 42,9%
MANTOVA 101 67 197,1%    RIETI 27 10 58,8%
PARMA 101 61 152,5%    SONDRIO 21 13 162,5%
PISTOIA 101 58 134,9%    ENNA 19 11 137,5%
CUNEO 99 51 106,3%    NUORO 19 9 90,0%
UDINE 99 45 83,3%    CROTONE 18 8 80,0%
L’AQUILA 98 74 308,3%    VIBO VALENTIA 18 12 200,0%
LUCCA 98 51 108,5%    AOSTA 17 0 0,0%
NOVARA 98 51 108,5%   ISERNIA 17 5 41,7%
FROSINONE 96 57 146,2%    ORISTANO 16 8 100,0%
PRATO 96 60 166,7%       ITALIA 14.927 8.994 151,6%
Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *