Salute, Sanita', Tricase

EMERGENZE IN SALA PARTO, AL “PANICO” DI TRICASE DUE GIORNATE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO

Il Responsabile Scientifico, dott. Marzo: “Lavoro di squadra elemento qualificante per la risoluzione dei problemi”.

TRICASE – Confrontarsi su esperienze diverse per migliorare i percorsi diagnostico-terapeutici e gli outcome delle pazienti: è con questo spirito che l’Ospedale G. Panico di Tricase si appresta a vivere le due giornate di formazione del Corso di aggiornamento sulle emergenze in sala parto.

«L’Ospedale Cardinale Panico di Tricase si conferma struttura d’eccellenza anche sul piano della formazione e dell’informazione medico-scientifica, grazie anche a momenti di formazione come questo» ha evidenziato il responsabile scientifico del corso, dott. Giuseppe Marzo, secondo cui «scopo della due giorni è quello di offrire ai colleghi momenti di informazione e riflessione su tematiche come emergenze ed urgenze in Ostetricia-Ginecologia, al fine di ottimizzare i percorsi diagnostici-terapeutici e migliorare così la qualità dell’assistenza materno-fetale».

«Quella di formare team in grado di affrontare urgenze ed emergenze è ormai un’esigenza non più rinviabile se si vogliono ridurre sensibilmente le possibili complicazioni materne e neonatali» ha chiarito il dott. Marzo, che è Direttore U.O.C. di Ostetricia e Ginecologia del Cardinale Panico di Tricase. «Ecco dunque spiegato il motivo che ci ha spinto ad organizzare un corso di aggiornamento che vede coinvolti ginecologi, anestesisti e neonatologi in sessioni di studio e simulazione di possibili scenari».

Al Cardinale Panico, dunque, la promozione del lavoro di squadra diviene elemento qualificante per la risoluzione dei problemi.

Due le sessioni di lavoro organizzate con il supporto del Gruppo Geo: la prima teorica e si svolgerà venerdì mattina presso la Sala Convegni del Polo didattico P.O. “Cardinale Panico” a partire dalle ore 8.30; la seconda pratica, con simulazioni di scenari in sala parto ed esercitazioni su manichino a partire dal pomeriggio di venerdì e che continueranno anche sabato mattina.

Principio metodologico alla base del corso è l’Active Learning (apprendimento attivo), consistente nell’utilizzo di più metodi d’insegnamento fondati sull’autoapprendimento e sul learning by doing (imparare facendo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.