• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Salento

FRECCIAROSSA/SALENTO: l’AD DI FS ELIA SNOBBA REGIONE, COMUNI E PARLAMENTARI SALENTINI.

SALENTO – L’Assemblea dei Sindaci della Provincia di Lecce, dei parlamentari salentini, dei consiglieri regionali e dei rappresentanti istituzionali di Brindisi e Taranto, convocato dal Presidente Gabellone ha votato oggi all’unanimita’ un documento con il quale si chiede a Trenitalia di prolungare fino a Lecce il Frecciarossa che da Milano arriva fino a Bari. 

Nel documento, inoltre si fa notare che “la recente esplosione del settore turistico del Salento, impone il prolungamento della line Frecciarossa, sia per rispondere alla domanda di potenziale servizio, sia per garantire mobilita’ e collegamenti da e per il territorio salentino”. Si ribadisce altresi’ con forza che ““lo Stato garantisce ingenti finanziamenti per garantire che tutto il territorio italiano abbia pari opportunita’ di mobilita’”, e viene criticato il fatto che “Trenitalia non ha fornito, al momento, i dati di traffico sviluppati dai territori di Lecce, Brindisi e Taranto”.

L’incontro si e’ tenuto per far sentire la voce del Salento e sollecitare cosi’ l’amministratore delegato di Trenitalia, Michele Elia che doveva incontrare con il Presidente Emiliano. Incontro che pero’ a causa di misteriosi e improrogabili impegni istituzionali dell’amministratore di FS non si e’ tenuto. I vertici di Trenitalia tutti pare siano impegnati  a preparare le spiegazioni di questa scelta al Parlamento italiano e al Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio De Vincenti per il 29 settembre e sembra che come linea vogliano ancora puntare sulla non economicita’ del prolungamento del percorso fino a Lecce. Quindi l’incontro con Emiliano e’ destinato a tenersi dopo quella audizione. 

Trenitalia continua a snobbare ancora il SALENTO facendo orecchie da mercante alle pressanti richieste provenienti ormai da tutto il territorio e da tutte le forze politiche e istituzionali. To be continued……

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *