Cultura, Specchia, Tradizione

GRANDE SUCCESSO DI VISITATORI ALLA BETLEMME SPECCHIESE

Nei giorni dell'1, 2 e 6 Gennaio 2022 dalle ore 17.30 alle ore 21.00, sarà possibile visitare la  XIII edizione del “Presepe Vivente nel Borgo di Specchia. ACCURATI CONTROLLI ANTI COVID 19 ALL'INGRESSO SENZA CREARE ASSEMBRAMENTI

SPECCHIA – L’Associazione Sportiva-Culturale “Lucrezia Amendolara” (ex “Eugenia Ravasco”) comunica che anche nei giorni dell’1, 2 e 6 Gennaio 2022 dalle ore 17.30 alle ore 21.00, sarà possibile visitare la  XIII edizione del “Presepe Vivente nel Borgo di Specchia…seguendo la stella verso Palazzo Coluccia”. L’evento si svolge con la collaborazione  del Comune di Specchia, alla Parrocchia “Presentazione Beata Vergine Maria”, alla Pro Loco, alla “II Legio Augusta” di Lizzanello e a B&B “Donna Bianca”, nel giardino, nei locali, nelle stalle e depositi di Palazzo Coluccia, edificio del centro storico, in via Matteotti,41.

Nei precedenti due giorni di apertura, del 25 e 26 dicembre, l’evento ha registrato numerosi visitatori, alcuni dei quali provenienti anche da centinaia di chilometri di distanza da Specchia, i quali, in ogni serata d’apertura hanno apprezzato e constatato che l’accesso all’evento, a tutela della salute di tutti, si svolgeva nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento e di tutte le precauzioni Anti Covid 19, con ingressi contingentati, senza lunghe attese, grazie all’attento e rapido controllo dei volontari dell’Associazione e di altri sodalizi locali.

Per le serate di apertura dell’1, 2 e 6 Gennaio 2022, si accederà al Presepe vivente esibendo il Super Green Pass e utilizzando la mascherina FFP2, come previsto dall’articolo 4 del Decreto Legge del 24 dicembre 2021, n. 221 emanato dal Governo e avente per oggetto la proroga dello stato di emergenza nazionale e le ulteriori misure per il contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid 19: “Dalla data di entrata in vigore del presente decreto fino al 31 gennaio 2022, sono vietati le feste, comunque denominate, gli eventi a queste assimilati e i concerti che implichino assembramenti in spazi aperti. Nel medesimo periodo, sono sospese le attività che si svolgono in sale da ballo, discoteche e locali assimilati. Dalla data di entrata in vigore del decreto fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da Covid-19, per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso o all’aperto nelle sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportivi che si svolgono al chiuso o all’aperto, è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2”.

I soci della “Lucrezia Amendolara” hanno allestito 28 scene, dove circa 140 figuranti in costume d’epoca, con attrezzi originali ormai in disuso, ogni sera fanno rivivere una piccola Betlemme, in un itinerario magico di altri tempi, dove saranno ricreati i mestieri tipici, scene di vita quotidiana e proporranno antichi sapori della tradizione con momenti dedicati alle degustazioni, con allestimenti carichi di significato religioso, in ambienti curati, privi di fronzoli, rendendo il presepe vivente piacevole da visitare.

L’ingresso della Betlemme specchiese, ospita l’accampamento dei legionari romani del Gruppo Storico “Legio II Augusta” di Lizzanello, i quali ogni sera dell’apertura del presepe, in Piazza del Popolo, simulano un combattimento rievocando nei dettagli quelli dell’Antica Roma.

Grazie anche all’ausilio di: ASD Kitri, Gruppo Marta, Palestra Sport e Fitness Center, Apostolato della Preghiera, FIDAS, LILT, Gruppo delle Vincenziane, Azione Cattolica Ragazzi, Forum dei Giovani e Accademia della Minerva, saranno allestite alcune scene, rappresentazioni e spettacoli durante le serate di apertura (Programma su Fan Page Facebook Presepe Vivente nel Borgo Antico di Specchia – 3207071695 – 3892025001).

L’antica dimora di Palazzo Coluccia fu costruita nel 1920, per decenni fu uno dei fulcri della vita economica e sociale specchiese, luogo di lavoro e di incontro. Ai giorni nostri, Donato Viglione, figlio di Lucia Coluccia e nipote del Notaio Donato Coluccia e della moglie Bianca, ha rinnovato l’edificio, avviando una struttura ricettiva, riaprendo alcuni locali dell’azienda agricola di una volta, destinandoli a spazi espositivi per l’arte contemporanea, eventi culturali e feste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.