Finanziamenti, Gal Capo di Leuca, Salento, Tricase

IL GAL CAPO DI LEUCA CON 3,5 MLN DI EURO FINANZIA 43 PROGETTI IN 22 COMUNI

VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL PATRIMONIO ARTISTICO E RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI URBANI FINANZIATI 43 PROGETTI DEI 22 COMUNI DELL’AREA DEL GAL “CAPO DI LEUCA” CON CIRCA 3.500.000 EURO.

SALENTO – Il Gruppo d’Azione Locale “Capo di Leuca” scarl, comunica che il Consiglio di Amministrazione e il Direttore hanno incontrato i 22 Sindaci dei Comuni dell’Area d’intervento del GAL per presentare le graduatorie provvisorie relative alle istruttorie dei 4 Bandi pubblici rivolti agli stessi Comuni, con i quali sono stati finanziati 43 progetti per un totale complessivo di € 3.479.387,30 di contributo pubblico, negli ambiti della valorizzazione di beni culturali e del patrimonio artistico legato al territorio e alla riqualificazione dei centri urbani.

Il GAL “Capo di Leuca” è il soggetto attuatore del Piano di Azione Locale “il Capo di Leuca e le Serre Salentine”, nell’ambito del PSR PUGLIA 2014 – 2020 per la Misura 19 “Sostegno allo Sviluppo Locale Strategia di Tipo Partecipativo” – Sottomisura 19.2 “Sostegno all’esecuzione degli interventi nell’ambito della strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo”.
Con l’Azione 1 “I Monumenti e la Cultura del Capo di Leuca”- Intervento 1.1 “Recupero e Valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale” sono stati finanziati 13 Comuni con contributo pubblico totale di € 1.705.787,61.

I progetti riguardano la valorizzazione del patrimonio culturale e artistico dei centri urbani e delle campagne. Saranno realizzate iniziative di
recupero e funzionalizzazione di immobili e beni di interesse artistico, storico e archeologico, legati alla tradizione culturale dell’area, interventi in siti da destinare a piccoli musei, teatri, archivi, mostre, esposizioni, centri di aggregazione e integrazione sociale, centri di documentazione e di esposizione dedicati alle tradizioni, agli usi, ai costumi e al sentimento religioso.

Nel dettaglio, i progetti presentati dagli Enti locali per questo Bando prevedono che a Morciano di Leuca si procederà alla valorizzazione e al restauro della Chiesa di Santa Maria di Leuca del Belvedere (Leuca Piccola) e dei suoi sotterranei. Quello di Alliste ristrutturerà il Castello Baronale della frazione di Felline, dove sarà allestito un museo e una biblioteca multimediale.

Diversi gli interventi di recupero e valorizzazione: a Tiggiano per “Torre Nasparo” e l’area circostante; a Racale, presso Palazzo D’Ippolito, per il Museo-Laboratorio dell’Emigrazione delle Serre Salentine; a Montesano Salentino si interverrà su “Palazzo Bitonti”; a Casarano per il Sedile e la Torre dell’Orologio di Piazza San Giovanni, destinati a spazio espositivo della cultura locale.

A Ugento si recupererà e valorizzerà, nella marina omonima, la Torre Mozza e le sue aree limitrofe, grazie al suo patrimonio materiale e immateriale. A Gagliano del Capo si riqualificheranno i frantoi ipogei ubicati in via Novaglie; a Specchia si interverrà su Castello Risolo mediante l’allestimento di sale polifunzionali per conferenze ed esposizioni artistico-museali.

Nel Palazzo Ducale “Lopez Y Royo” di Taurisano sarà realizzato uno spazio polifunzionale espositivo e per pubblici incontri; il Castello Medievale, in località Acquarica, sarà reso più funzionale dal neo Ente locale di Presicce – Acquarica.

A Matino sarà restaurato il “Frantoio Ipogeo” di Via Libertà; ed infine l’ex Chiesa di Sant’Antonio, oggi Centro Culturale “Quintino Scozzi, sarà
valorizzata dal Comune di Melissano.

Con l’ Azione 2 “Fruibilità del Capo di Leuca” – Intervento 2.1 “Infrastrutture su Piccola Scala per qualità della vita e per il turismo” sono stati finanziati 5 progetti con contributo pubblico totale di € 627.354,94, con i quali si andranno a riqualificare: slarghi, cortili, spazi pubblici ubicati nelle immediate vicinanze di beni di interesse culturale, religioso, artistico, archeologico, con l’utilizzo di tecnologie innovative, integrate con i materiali e le tipologie costruttive tipiche del posto, per realizzare un progetto unitario di storia e cultura, valorizzate anche attraverso forme artistiche e strumentazioni innovative.

Grazie al contributo pubblico, a Castrignano del Capo si valorizzerà la Piazza degli Eventi di Marina di Leuca; lo stesso farà quello di
Corsano con l’area antistante la cappella di San Biagio, la biblioteca comunale e Piazza San Giuseppe, a Presicce-Acquarica si
renderà più funzionale lo spazio antistante l’ex Convento degli Angeli in località Presicce.

A Ruffano si recupererà e valorizzerà Piazza Carmelitani nella frazione di Torrepaduli, lo stesso sarà fatto a Taviano al Teatro all’aperto nel Parco Jonico presso laMarina di Mancaversa.

Con l’Azione 3 “Servizi Per La Popolazione Rurale nel Capo di Leuca” – Intervento 3.1 “Mercati Locali della Qualità” con contributo pubblico totale di € 673.666,36, sono stati finanziati 5 Comuni che andranno a recuperare e valorizzare i “mercati coperti”, ancora oggi presenti in alcune realtà locali del Capo di Leuca, per destinarli alla commercializzazione delle produzioni tipiche locali e alla valorizzazione delle peculiarità del territorio e dei prodotti dell’agricoltura sociale.

Con il contributo pubblico, a Miggiano verrà valorizzato il Mercato Coperto, ubicato nei pressi del Quartiere Fieristico; a Salve sarà ammodernata e adeguata Piazza Matteotti, mentre a Tricase si renderanno funzionali le “lamie” ubicate presso la frazione di Depressa. Ad Alessano si valorizzerà l’esistente Mercato Coperto, mentre a Patù si andrà a realizzare, nella Marina di San Gregorio, uno spazio espositivo dedicato al “Mercato Locale della Qualità.”

Inoltre, con l’Azione 2 “Fruibilità del Capo di Leuca” – Intervento 2.2 “Fruibilità del Territorio”, con un contributo pubblico totale di € 472.578,39, il GAL “Capo di Leuca” ha finanziato i seguenti 20 Comuni: Alessano, Alliste, Casarano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Matino, Melissano, Miggiano, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Presicce – Acquarica, Racale, Ruffano, Salve, Specchia, Tiggiano, Taurisano, Taviano e Ugento.

Queste Amministrazioni comunali si doteranno di piccoli mezzi di locomozione ecosostenibili, con i quali potersi addentrare con estrema facilità tra le stradine di campagna e i centri abitati.

Gli stessi Enti locali hanno individuato degli “itinerari” prestabiliti, attraverso i quali andranno a valorizzare le peculiarità culturali, ambientali, artigianali ed enogastronomiche locali, facendo vivere al visitatore un tuffo nella vera “village life”, nel totale rispetto dell’ambiente, abbinando tradizione e innovazione nell’utilizzo degli strumenti per effettuare una visita turistica ricca di contenuti e sia occasione per un momento di “turismo esperienziale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *