Cultura, Istruzione, Salento, Turismo

IL GAL CAPO DI LEUCA INAUGURA AD ALESSANO IL CENTRO INFORMAZIONE ACCOGLIENZA TURISTICA

ALESSANO – Questa mattina il Gruppo di Azione Locale “Capo S. Maria di Leuca”  all’esterno del Cimitero Comunale di Alessano, in Via Macurano, ha  inaugurato il Centro di Informazione e Accoglienza Turistica.

L’iniziativa avviene nel XXII Anniversario della scomparsa del Servo di Dio, Don Tonino Bello, Vescovo di Molfetta e Presidente di Pax Cristi, deceduto il 20 aprile 1993. L’info-point alessanese, in particolare, sorge su quello che sarà l’itinerario della Fede, incentrato intorno alla figura del prelato, in un luogo raggiunto annualmente da migliaia di turisti, come accadeva nei secoli passati, quando lungo la vicina “Via dei Pellegrini”, erano tanti coloro che la percorrevano per raggiungere Roma o la “Terra Santa”.

L’edificio di Alessano è il primo di 18 piccole strutture di proprietà comunale che diventeranno nelle prossime settimane altrettanti punti informativi dislocati nel territorio del Capo di Leuca. Grazie alla Misura 313 Azione 2 torneranno così a nuova vita molti immobili, alcuni dei quali di pregio, deputati ad ospitare i punti informativi e ubicati in suggestivi borghi antichi storici o lungo itinerari e percorsi turistici importanti.

Il GAL Capo S. Maria di Leuca ha constatato che uno dei fabbisogni del sistema turistico del Capo di Leuca è rappresentato dalla realizzazione di punti di accesso alle informazioni e ai servizi presenti nei Comuni dell’area. Capita spesso, infatti, di imbattersi in turisti alla ricerca di informazioni che spesso non vengono soddisfatte, specie quando esse riguardano argomenti per i quali è richiesta una certa competenza e professionalità anche in termini di conoscenze linguistiche. Per colmare questa lacuna, il GAL ha finanziato la realizzazione di 18 centri di informazione e di accoglienza turistica a servizio Comuni e delle aziende; essi si relazioneranno con i 4 itinerari tematici in fase di realizzazione, con le strutture di ricettività rurale attive nei borghi antichi, anch’esse cofinanziate dal GAL con il PSR Puglia 2007 – 2013.

L’attività in ciascuno di questi 18 Centri, in rete tra di loro, potrà prevedere la fornitura di una serie di servizi essenziali per il concreto sviluppo turistico del Capo di Leuca come: l’erogazione di informazioni sugli eventi, sulle manifestazioni, sulla fruizione dei beni culturali e naturali, in merito alle visite guidate lungo gli itinerari tematici, la disponibilità di posti letto in strutture ricettive, i servizi per il trasporto da e verso le stazioni ferroviarie, gli aeroporti e i porti e per la mobilità nell’area, le visite nelle aziende di artigianato e agroalimentare tipico, l’organizzazione di degustazioni di prodotti tipici, i servizi di accoglienza dei turisti, la funzione di reception dell’Albergo diffuso nel Capo di Leuca e delle strutture ricettive presenti nell’Area, la distribuzione di materiali informativi e promozionali, le sale di accoglienza per i visitatori del Capo di Leuca, le sale di presentazione e di degustazione delle produzioni locali.

Alcuni dei 18 Centri di informazione e di accoglienza turistica, come Alessano, sono stati già riconosciuti dall’Assessorato al Turismo regionale come IAT, uffici pubblici per l’informazione e l’accoglienza turistica, con funzioni di promozione del patrimonio turistico, paesaggistico, storico, artistico ed enogastronomico locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *