• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Attualità, Cucina, Cultura

IL PANDORO DI NATALE DELLO CHEF GUIDO GRASSO (RICETTA).

di Guido Grasso, chef presso il Ristorante Ma’n’Gio di Tricase 

Ecco la mia personale ricetta per presentare un pandoro di Natale ricco, semplice e genuino.

1 Pandoro da un kg (meglio se fresco e artigianale)

Per la crema al Rum del Pandoro 

  • 600 ml di latte
  • 60 grammi di amido di mais
  • 100 grammi di zucchero
  • 4 tuorli d’uovo
  • 6 cucchiai di rum

Ingredienti per la copertura

  • 400 grammi cioccolato amaro in scaglie o gocce
  • 500 grammi di panna da montare
  • 40 grammi di burro
  • 50 grammi di miele d’acacia

Preparare la crema al rum

Versiamo il latte in un pentolino con la scorza di mezzo limone e mettiamolo sul fuoco fino al punto di ebollizione.

Nel frattempo montiamo i tuorli d’uovo con lo zucchero in una ciotola capiente, utilizzando le fruste.

Quando il composto è omogeneo e spumoso, uniamo gradualmente la farina setacciata e stemperiamo con un goccio di latte. Aggiungiamo poi il resto del latte a filo e mescoliamo energicamente per rendere il composto omogeneo.

A questo punto possiamo aggiungere il rum e amalgamiamo per bene, versiamo il tutto in una pentola e lasciamo addensare a fiamma bassa e mescolando di continuo con un cucchiaio di legno.

Quando la cream risulterà abbastanza densa, spostiamo la pentola dal fuoco e incorporiamo il burro; mescoliamo velocemente e poi trasferiamo la crema al rum in un altro contenitore, in modo che possa raffreddare. Un utile consiglio è quello di coprire la superficie con un foglio di pellicola per alimenti, per evitare che l’aria faccia formare una crosticina.

 Può essere anche raffreddata ponendo la terrina con la crema in un altro contenitore con acqua e ghiaccio. Dopo un paio d’ore in frigo, la crema sarà perfetta per farcire il nostro pandoro di Natale! Con questa breve lista di ingredienti sarai in grado di realizzare un… Continua a leggere su www.pinguinomag.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *