Politica, Tricase

IL SINDACO COPPOLA CRITICO SULL’OPPOSIZIONE: “DA UNA MANO? NO, SEGUE LA MIA MACCHINA!

Non si placa lo scontro sul parcheggio opportuno o meno delle auto di Sindaco e amministratori nell’atrio di Palazzo Gallone e sulla mancanza di parcheggi nell’area circostante. Il Sindaco Coppola rompe il silenzio e  attacca l’opposizione sia quella regolarmente eletta, Forza Italia, UDC,  sia quella esterna, rappresentata dal Movimento 5 Stelle, che da molto tempo oramai insistono sulla questione in quanto ci sarebbe un regolamento Comunale che vieta espressamente tale uso dello spiazzo.  Lo fa pubblicando una foto aerea dell’atrio del maggio 2011 durante l’Amministrazione Musaro’ nella quale ci sarebbero le auto degli stessi oppositori  che oggi tanto lo criticano.

Maggio 2011 foto aerea dell’atrio del Castello. Amministrazione Musarò.

“In una città che soffre per mancanza di lavoro, per attività sempre più asfittiche, per le enormi difficoltà legate ad una normativa nazionale spesso contraddittoria e che, comunque, limita fortemente l’azione degli enti locali, ci ritroviamo ad affrontare i problemi con mezzi sempre minori e sempre meno efficaci. Un esempio per tutti: era ormai finito il blocco delle assunzioni che ha causato la riduzione del personale, in seguito ai numerosi pensionamenti, a meno della metà nel giro di pochi anni.

Avevamo finalmente programmato un consistente numero di assunzioni per uffici fondamentali come la ragioneria, la segreteria, l’ufficio tecnico e la polizia municipale. Il nostro governo ha di nuovo bloccato le nuove assunzioni in attesa di definire le procedure per la mobilità del personale delle province che ormai sono destinate a scomparire. Alla carenza di personale si aggiunge ora una situazione di malattia di due capi settore, a cui auguriamo una pronta e totale guarigione, che rappresentano due capisaldi della nostra struttura burocratica.

Nonostante questo, con enorme fatica, tutto il personale si prodiga per portare avanti l’amministrazione e per non bloccare i tanti progetti in corso. Ci si rimbocca le maniche, si cercano soluzioni e si lavora ancora di più, con l’entusiasmo e la serietà di chi ha e sa assumersi responsabilità. Cosa fanno in questa situazione i nostri oppositori? Danno una mano? Cercano di contribuire alla soluzione dei problemi? Si fanno propositori di azioni e soluzioni? Macché! Seguono la macchina del sindaco. Sembra che l’unico problema di Tricase sia come e dove parcheggia il sindaco. C’è fame? Bisogna creare occasioni di lavoro? Bisogna cercare fondi per riuscire a chiudere le buche del paese? Non è un problema loro. Hanno altro a cui pensare: la macchina del sindaco, filmata, fotografata, resa star. Sono contento per la mia macchina, che ormai ha qualche anno e tanti chilometri, sono un po’ meno contento per i problemi di Tricase.

Oggi mi sono concesso qualche minuto per cercare su Google le foto aeree dell’atrio del castello negli anni scorsi. Indovinate cosa viene fuori? Nel maggio 2011, per esempio, ma anche prima, nell’atrio si vedono auto parcheggiate, pur se con risoluzione non molto buona. Era sindaco Musarò e, tra gli altri, vi erano due assessori, che non nomino per decenza, e che ora, dall’opposizione, tanto parlano della mia auto.

Ma come mai allora non hanno mai sollevato il caso? Come mai nessuna critica a loro stessi perché si parcheggiava nell’atrio del castello? Chiedeteglielo. Sempre più spesso con queste nostre opposizioni mi capita di verificare la loro ipocrisia e pochezza e un pensiero mi viene alla mente “…rassomigliate a sepolcri imbiancati: essi all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *