• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cultura, Specchia

LA NATIVITA’ NELLA BETLEMME DI SPECCHIA MOLTE LE NOVITA’ PER LA X EDIZIONE DEL PRESEPE VIVENTE NEL BORGO ANTICO

Ogni nuova edizione accoglie le idee e le iniziative che nascono durante tutto l’anno, permettendo così di migliorarsi con nuovi personaggi, rinnovando la curiosità e la soddisfazione dei visitatori.

SPECCHIA – E’ giunto alla X edizione “IL PRESEPE VIVENTE NEL BORGO DI SPECCHIA”, organizzato dall’Associazione Culturale Sportiva “Eugenia Ravasco”, dal Comune di Specchia, dalla Parrocchia “Presentazione della Vergine Maria” di Specchia, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia, dalla Provincia di Lecce e dal GAL Capo S. Maria di Leuca, realizzato con il contributo  di “Puglia365”, iniziativa dell’Assessorato Regionale dell’Industria turistica e culturale e di Pugliapromozione e con Antenna Sud, Canale 85, Radio Venere e Peter Pan come Mediapartner.

Un presepe che sarà inaugurato alle ore 17.00 del giorno di Natale, alla presenza di autorità religiose, istituzionali e militari, che si potrà visitare nelle serate del  25, 26 e 30 Dicembre 2017 e del 1° e 6 gennaio 2018 dalle ore 17.30 alle 21.00. Sarà l’occasione che fede e tradizioni si affiancheranno e si fonderanno insieme in uno scenario incantato, creato per trasmettere a tutti: pace, amore, speranza e fratellanza, proprio come il 30 dicembre, quando l’UNITALSI accoglierà e guiderà i diversamente abili, mentre il 25 Dicembre, i ragazzi diversamente abili, ospiti della “Casa per la vita Ariete” di Ruffano, saranno i protagonisti e animeranno la scena della Corte di Erode. Per tutta la durata dell’evento, gli ospiti della Cooperativa Sociale “L’Adelfia” esporranno  “I Presepi in cartapesta” da loro realizzati.

Un evento organizzato grazie alla collaborazione e alla partecipazione dei sodalizi: A.S.D. Bambin Gesù, la Palestra Sport e Fitness Center, l’Apostolato della Preghiera, le Catechiste, la LILT, il Gruppo delle Vincenziane, l’Azione Cattolica Ragazzi, la Confraternite di S. Antonio da Padova, il Gruppo di Minoranza consiliare e l’Associazione “Legio II Augusta” di Lizzanello.

Ogni nuova edizione accoglie le idee e le iniziative che nascono durante tutto l’anno, permettendo così di migliorarsi con nuovi personaggi, rinnovando la curiosità e la soddisfazione dei visitatori.

Il percorso del presepe si presenterà con molte novità ai visitatori, stradine mai interessate, nuovi ambienti, con la possibilità di visitare il Frantoio Ipogeo Scupola, il più vasto esistente a Specchia, autentica testimonianza di archeologia industriale salentina. Il suggestivo borgo antico con le sue abitazioni e le sue corti, i suoi caratteristici vicoli e le antiche viuzze, rappresenterà l’antica Betlemme, trasportando i visitatori con l’immaginazione in un viaggio fra le 40 scene di vita quotidiana, appartenenti a un passato ormai lontano. Ogni angolo del borgo avrà un’atmosfera magica con giochi di luci e ombre, che partendo da Piazza Sant’Oronzo, lungo via Ferrante Gonzaga, detta dagli specchiesi “rua ranne”, passo dopo passo interesserà le abitazioni intorno a Palazzo Coluccia, raggiungendo la Natività nell’atrio di Palazzo Risolo, in Piazza del Popolo, dove in un ruscello realizzato per l’evento, l’acqua scorrerà verso le viuzze del centro antico.

I circa 200 figuranti daranno vita alle scene bibliche: dall’Annunciazione alla visita di Maria a Sant’Elisabetta, al Matrimonio, alla Sinagoga e gli Scriba, ma anche le varie botteghe, per un evento che valorizzerà varie figure dell’artigianato di una volta, come i “cannizzi e panari”, la cardatura e filatura, le ricamatrici,il bottaio e il mosaicista. Un viaggio tra i sapori tipici, con il forno con le calde puccette con le olive e l’oste che offre vino agli avventori, insieme a calde pittule e al “pane rustutu” condito con olio. Le massaie prepareranno la pasta della tradizione salentina, ai mastri casari che produrranno il formaggio in tempo reale, con i metodi e gli strumenti di una volta; e poi ancora soldati, pastori, colorate bancarelle di frutta e ortaggi.

L’ingresso di Betlemme, ospiterà l’accampamento dei centurioni romani dell’Associazione culturale “Legio II Augusta” di Lizzanello, i quali alle ore 19.30 di ogni sera, simuleranno un combattimento. Mentre i “Messaggeri della Speranza” narreranno le scene rappresentate percorrendo l’itinerario, accompagnati dalla musica di un trio di zampognari il 26 dicembre e il 6 gennaio. Il 26 dicembre spettacolo con “Las Brillantes”, due figure angeliche altissime e luminose sui trampoli. Il 30 dicembre si avrà la possibilità di ascoltare il jazz del gruppo “Le Quatuor de Saxophone”, sassofonisti del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce. Molto partecipata ed emozionante sarà la serata dell’Epifania, con la processione e l’arrivo dei Re Magi: Melchiorre con l’oro, Baldassarre con l’incenso e Gaspare con la mirra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *