Salento, Salute

LA PICCOLA GIORGIA PUO’ VOLARE NEGLI USA PER IL TRAPIANTO MULTIORGANO.

Ci siamo, la piccola Giorgia affetta da una rarissima malattia, potrà finalmente recarsi presso il Centro di altissima specializzazione “Children’s Hospital” di Pittsburgh Usa,

dove verrà ricoverata per una “valutazione di trapianto multiviscerale”.

Il volo umanitario per Pittsburgh è stato già predisposto e le spese di trasporto, soggiorno e ricovero sono state poste a carico della sanità pubblica, trattandosi di malattie che rientrano nei Lea, i livelli esenziali di assistenza.

L’intervento, che per la bambina leccese rappresenta una delle ultime speranze di miglioramento, è stato reso possibile grazie alla sentenza del giudice del lavoro del tribunale di Lecce, che aveva accolto la richiesta di rimborso spese presentata dalla mamma della piccola e che era stata rigettata dalla Asl il 14 luglio 2014.

Per garantire l’intervento è stato necessario sottoporre la piccola paziente a ripetuti controlli presso il Centro di Pittsburgh.

Il tribunale aveva «accertato il diritto della piccola Giorgia a sottoporsi alle visite programmate presso la Cliveland Clinic e il centro Children’s Hospital di Pittsburgh». Nella circostanza l’azienda sanitaria leccese era stata condannata a corrispondere e anticipare le spese di carattere sanitario della piccola e quelle di viaggio e soggiorno, compresi il vitto e l’alloggio per la mamma e il fratellino, per tutta la durata del soggiorno.

E’ stato lo stesso Centro di altissima specializzazione di Pittsburgh ad elaborare una proposta di anticipo di 600mila dollari da spedire tramite bonifico bancario.

Somma alla quale si sono aggiunti: 

un anticipo di 6.600 dollari per vitto e alloggio per i prossimi 2 mesi;

4.660 dollari come acconto di 2 mensilità di assistenza domiciliare infermieristica 

22mila euro per l’accensione di una polizza assicurativa sanitaria a favore della mamma e del figlio minore.

Buona fortuna piccola Giorgia, siamo tutti con te!

https://www.facebook.com/aiutiamogiorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *