Senza categoria

L’ASILO NIDO DELL’ACAIT DI TRICASE IN EVIDENZA A LECCE ALLA MOSTRA: “LE DONNE TRA ANALFABETISMO ED EMANCIPAZIONE”

LECCE –  La lunga storia delle battaglie femminili approda nel capoluogo salentino, all Castello Carlo V, con la mostra “Le donne tra analfabetismo ed emancipazione. Dalle carte di Tommaso Fiore”. L’esposizione, presentata stamane in conferenza stampa, sarà inaugurata oggi pomeriggio, alle ore 18. Ad anticipare l’evento un seminario di studio sul tema “Meridionalismo ed emancipazione femminile. Il contributo di Tommaso Fiore”.

Organizzata dal Cnr e, a Lecce, in collaborazione con l’associazione ”Muse del Salento”, la mostra nei
mesi scorsi ha debuttato a Roma nella prestigiosa sede del Cnr e successivamente a Bari e Altamura, città natale di Tommaso Fiore. “Questa mostra – ha spiegato l’assessore al Turismo, Marketing territoriale, Spettacoli ed Eventi, Luigi Coclite – racconta la storia di un uomo e di un territorio. Uno spaccato significativo dell’Italia del dopoguerra che delinea il passaggio dallo stato di analfabetismo a quello dell’emancipazione femminile. Temi caldi anche qui da noi. Non a caso a Lecce, negli anni Settanta, abbiamo avuto numerose testimonianze che di fatto hanno anticipato la rivoluzione femminista, in particolare con il collettivo Terra d’Otranto. Il mio auspico è che questa mostra possa essere allargata anche agli studenti dei nostri istituti scolastici”.
Attraverso una serie di pannelli, documenti e foto, il progetto racconta infatti la lunga storia delle battaglie femminili con gli occhi e con le parole di Sibilla Aleramo, Maria Corti, Rina Durante, Ada Gobetti, Maria Antonietta Macciocchi, Anna Maria Ortese, Carla Voltolina Pertini, nelle vesti di testimoni del tempo e interlocutrici di Tommaso Fiore. Una molteplicità di punti di vista e un caleidoscopio di sensibilità che restituisce una lettura del secolo appena passato attraverso un particolare punto di vista consentendo – come scrive la curatrice del progetto Rosa Capozzi, Cnr-Iac – in un contributo apparso sul sito dell’Istituto Treccani, “una rilettura del passato per recuperare le radici più autentiche delle grandi battaglie che hanno determinato l’emancipazione femminile e che riannodano i fili di vicende che hanno portato alla definizione del ruolo della donna di oggi”.
Di particolare rilevanza storico-culturale la parte dedicata ai rapporti di Tommaso Fiore con la scrittrice Rina Durante e la deputata comunista Cristina Conchiglia Calasso attraverso lettere, immagini e libri provenienti dagli archivi privati delle due donne salentine e da quelli della famiglia Fiore-Fazio e del giornalista Massimo Melillo, che testimoniano l’impegno e l’interesse del grande meridionalista per il Salento.  Nell’allestimento leccese si arricchisce di una nuova sezione dedicata all’asilo nido dell’Acait di Tricase, primo esempio nello scorso secolo di una struttura creata presso un tabacchificio in Puglia per accogliere i figli delle tabacchine, voluta e conquistata dalle operaie che lì lavoravano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *