• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Tricase

L’Associazione “PRENDI POSIZIONE – TRICASE” chiede Consiglio Comunale su 275

TRICASE – L’Associazione “PRENDI POSIZIONE – TRICASE” ha depositato presso l’Ufficio Protocollo di Tricase, in data 14/09/2016, la richiesta di convocare un Consiglio Comunale monotematico che abbia ad oggetto la situazione dell’iter della S.S. 275.

La richiesta è indirizzata al capogruppo del Partito Democratico in seno al Consiglio Comunale della Città di Tricase Carmine Zocco (e p.c. al Sindaco di Tricase Antonio G. Coppola ed al Presidente del Consiglio Comunale Rocco Indino) affinché si faccia promotore della convocazione, in tempi brevi, di un CONSIGLIO COMUNALE MONOTEMATICO con il seguente O.d.G.:

– Sostegno all’operato del Consiglio di Amministrazione ANAC e al Presidente Raffaele Cantone in merito alla Deliberazione n. 909 del 31 agosto 2016;

– conferma della posizione di contrarietà del Comune di Tricase al tracciato della Strada Statale n. 275 nel tratto successivo alla sezione stradale n. 266, che prevede il passaggio della strada a 4 corsie sul territorio della Città di Tricase.

Tutto ciò in considerazione delle diverse vicende politiche e istituzionali che hanno interessato, e tuttora interessano, l’evoluzione dell’iter amministrativo del progetto di ammodernamento e adeguamento della Strada Statale 275, tronco Maglie – S. Maria di Leuca.

Nello specifico si fa riferimento alle diverse dichiarazioni pubbliche di alcuni amministratori e politici locali, che sono da ritenersi lesive per il futuro e la salvaguardia del territorio tricasino, e, soprattutto, l’intervento del Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione – A.N.AC.

In particolare con la Delibera n. 909 del 31 agosto 2016, avente per oggetto “Fascicolo 3027/2014 – Ammodernamento ed adeguamento di tipo B del d.m. 05/11/2001 della S.S. n. 275 lungo l’itinerario Maglie – S. Maria di Leuca”,Stazione appaltante ANAS S.p.A., il Consiglio di Amministrazione dell’ANAC ha ravvisato diversi comportamenti non conformi alle disposizioni normative in materia o, comunque ai criteri di efficacia ed efficienza, dei diversi soggetti coinvolti nel procedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *