• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Calcio, Sport, Tricase

L’ATLETICO TRICASE BATTE IL LIZZANO E RICONQUISTA IL 1° POSTO

 

TRICASE – Il Tricase riconquista la vetta della classifica nel girone B della Promozione pugliese, approfittando della concomitante sconfitta esterna dell’Aradeo. E’ stata la partita di Wladimir Alegria Tenesaca, un under ’98, dal cui piede sono nati gli assist più belli e intriganti per gli attaccanti rossoblu.

Ma è stata la vittoria della bellezza del calcio, quello appunto che interpretava l’Orazio Mitri calciatore ed oggi allenatore del Tricase: ha plasmato la squadra sulla lunghezza d’onda del calcio che egli ha sempre amato, fatto di possesso palla, gran gioco, geometrie pulite e centrocampo e gioco sulle ali, dove ha trovato interpreti proprio in Tenesaca e in Jonas Rizzo, oltre che le geometrie pulite di Striano e l’eleganza interpretativa di Pellegrino a centrocampo.

E proprio Pellegrino, raccogliendo una fiondata di Citto dalla destra, al 15’ ha portato in vantaggio i padroni di casa, che raddoppiavano al 28’ con D’Amico, che era pronto a trasformare in rete una veronica ubricante di Tenesaca. E sarebbe stata una rete da cineteca quella che D’Amico s’è vista respingere dalla traversa al 30’, quando, in messa rovesciata ha raccolto una strabiliante giocata di Striano-Tenesaca ed ha battuto a rete.

Accorciavano gli ospiti al 59’ con Zaccaria, ma ancora il Tricase in gol, al 73’ con Citto che chiudeva a rete un uno-due con D’Amico. Rete spettacolare di capitan Ruberto, dalla linea di fondo e a volo al 91’ e ancora a rete il Lizzano al ’93 con una grande punizione dal limite dell’area tricasina di De Comite.

Commento

Tricase-Lizzano, la partita dell’”allegria”. La partita di Wladimir Aleghria Tenesaca, l’under ’98, che ha giocato ed interpretato una gara da autentico re della fascia esterna destra, ma anche uomo dialogante nelle geometrie pulite di Maurizio Striano e con le chiudure e ripartenze eleganti di Francesco Pellegrino a centrocampo.

Tenesaca è tornato: il ragazzo che, in avvio di stagione, era sembrato un po’ sottotono, è riesploso, interprete convinto di quel calcio-allegria che nel Tricase aveva trovato, negli anni d’oro della C2, l’interprete più fulgido in Orazio Mitri, oggi allenatore della squadra rossoblu.

“Il calcio che io amo è e deve essere sempre allegria, voglia di stupire, che non significa calcio senza uno spartito da interpretare, ma voglia di giocare bene per il gusto di divertirsi giocando. Sì, oggi, mi sono divertito anche io in panchina. Quando facciamo tutto ciò che abbiamo compiuto contro il Lizzano – sottolinea mister Mitri – allora riusciamo ad essere una squadra cui nulla è precluso”.

E Tenesaca interpreta il calcio che piace a Orazio Mitri? “Wladimir ha tutto per essere l’uomo del Tricase di oggi e di domani, ma ha anche la possibilità di giocare con giocatori che lo supportano e si fanno trovare pronti a raccogliere al meglio le sue invenzioni ubriacanti. Ripeto, quando facciamo tutto ciò che abbiamo fatto oggi in campo, allora c’è allegria e gusto di giocare per tutti. Quanto a Tenesaca, il fatto che abbia anche nel suo cognome “Alegria” potrebbe essere una predestinazione”.

Ma c’è un’immagine che ha catturato l’attenzione e gli applausi dello stadio “San Vito”: quando, al ‘73’, Giovanni Citto ha messo dentro quell’uno-due con Alberto D’Amico, è corso a bordo campo, s’è inginocchiato sul terreno di gioco, ha aperto le braccia, gli è corso il piccolo Cristian, suo figlio, e sono rimasti abbracciati. “Ecco, se non è frutto del gioco-allegria quell’abbraccio, allora ditemi cos’è”, il commento di Orazio Mitri. E il futuro? “Per adesso godiamoci la riconquista della vetta della classifica”, il commento dell’allenatore del Tricase.

LE PAGELLE DI SCARASCIA PASQUALE

POTENZA 6 Inoperoso per tutta la partita, incolpevole sul primo gol, sul secondo prende gol sul suo palo, ma niente da dire a questo portierone che fino adesso ha svolto egregiamente il suo compito tra i pali.
CAZZATO 7,5 Attacca, difende, crossa (ancora non benissimo) e non sbaglia un intevento.
RIZZO J. 8 Partitone impeccabile, un giocatore che sarà utilissimo alla causa.
CITTO 7,5 Oltre a difendere con grinta e classe, va a segnare un gol da incursore di centrocampo.
MORETTO 7,5 Non va troppo per il sottile con nessuno, sfrabbraca interventi difensivi e scarpe avversarie come la vecchia manovia dell’Adelchi.
CAPUTO 7 Una bella sorpresa si conferma un elemento su cui fare affidamento in diverse zone del campo.
STRIANO 7,5 Lancia, corre, recupera. Stoico, una pianta sempreverde al servizio del collettivo.
MARTELLA 6,5 Entra nella ripresa e fa il suo dovere, peccato che poteva entrare nel tabellino dei marcatori.
PELLEGRINO 7,5 Veniva da una settimana dove era stato molto criticato ingiustamente, ma da gran signore ha ripagato la gente con una prestazione ottima ed un gol. Spendo due parole per lui, non per simpatia, le pagelle senza falsi buonismi, certamente opinabili le valutazioni ma non l’onestà con cui vengono fatte. Torniamo a Francesco, forse qualcuno si aspetta da lui lanci, assist, tiri in porta e quant’altro. Aho Pellegrino è un altro tipo di calciatore e va giudicato per le sue caratteristiche di centrocampista ordinato al servizio degli altri. Un calciatore che si vede poco ma molto utile.
RUBERTO 6 Niente da dire sul suo impegno, la sua capacità di smarcarsi e di mettersi al servizio degli altri. Sul giudizio pesano tre palle gol divorate in momenti clou del match, occasioni che si possono pagare come è successo con il Fasano. Poi fa il 4° gol il più difficile tra tutte le occasioni avute.
D’AMICO 7,5 Gol, corsa, recuperi, generosità. Bravo Alberto!
TENESAKA 9 Giocate di fino, finte e controfinte, sembra che sta per cadere e con le sue gambe esce sempre con classe. Assist al bacio e cose dell’altro mondo. Brasilerao!!

TRICASE-LIZZANO 4-2

TRICASE – Potenza, Cazzato, Rizzo, Pellegrino, Citto (84’ Romano), Moretto, Striano, Caputo (74’ Martella), D’Amico, Tenesaca (92’ Carbone), Ruberto. A disposizione: Panico, Malinconico, Mendolia, Causio. Allenatore: Mitri.

LIZZANO – Perelli, Pisano, Basile (80’ Ungaro), Nazzaro, De Florio, Gallo Bruno, Pappone (46’ Grasso), D’Ettorre, Zaccaria, Colucci, De Comite. A disposizione: Monopoli, Gallo Alessandro, Beltrame, Antonicelli, Cellammare. Allenatore: Palmieri.

Arbitro: Pistarelli di Fermo

Reti: 15’ Pellegrino, 28’ D’Amico, 59’ Zaccaria, 73’ Citto, 91’ Ruberto, 93’ De Comite

Note. Espulsi: 53’ Gallo Bruno, 55’ l’allenatore del Lizzano Palmieri.

*****
PROMOZIONE PUGLIESE GIR. B 2016/17 – 11ª GIORNATA – (domenica 20.11.2016 ore 14.30)

Ael Grottaglie-Atl. Aradeo 1-0
85′ Silvestri
Atl. Tricase-Lizzano 4-2
15′ Pellegrino (T), 27′ D’Amico (T), 58′ Zaccaria (L), 72′ Citto (T), 90’+1 Ruberto (T), 90’+2 De Comite (L)
Brindisi-Massafra 1-3
10′ e 90’+1 Camara (M), 29′ Danese (B), 57′ Masella (M)
Carovigno-Mesagne 1-1
15′ Di Santantonio (C), 42′ Motti (M)
Castellaneta-Copertino 1-2
10′ Passiatore (CAS), 67′ Renis (COP), 82′ Pellè (COP)
Fasano-Uggiano 2-4
29′, 34′ e 75′ Ciriolo (U), 69′ Gennari (F), 73′ Conte (U), 90’+4 Longo (F)
Manduria-Ostuni 1-3
24′ Pastano (O), 51′ Schiavone (O), 67′ Scarciglia (M), 79′ Todisco (O)
Salento Football-A. Toma Maglie 1-1

CLASSIFICA
Atl. Tricase 24
Atl. Aradeo 22*
Brindisi 20
Lizzano 20
Fasano 18
Uggiano 16
Massafra 15*
Ostuni 14*
Manduria 14
Carovigno 13
Mesagne 13
Copertino 10*
Salento Football 10*
Ael Grottaglie 8
A. Toma Maglie 8*
Castellaneta 5
(* una partita in meno)
Da recuperare: Aradeo-Maglie (da definire), Copertino-Ostuni (da definire), Salento Football-Massafra (24/11 ore 14.30).

PROSSIMO TURNO
11ª giornata
(domenica 27.11.2016 ore 14.30)

A. Toma Maglie-Fasano
Atl. Aradeo-Castellaneta
Massafra-Manduria
Copertino-Salento Football
Lizzano-Carovigno
Mesagne-Brindisi
Ostuni-Ael Grottaglie
Uggiano-Atl. Tricase

Fonte: pagina fb Atletico Tricase, foto Valerio Martella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *