• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Economia, Lavoro

LAVORO: LE ITALIANE TORNANO A FARE LE DOMESTICHE.

La crisi economica cambia il lavoro domestico: diminuiscono le colf in valore assoluto, ma aumenta la fetta di italiane a testimonianza di un ritorno a un lavoro tenuto poco in considerazione dagli italiani e che era stato di conseguenza delegato in proporzioni crescenti a stranieri. Nel 2014, secondo i dati Inps, i domestici erano 898.489 con una riduzione del 5,8% sul 2013. Nello stesso periodo, a causa della crisi, le colf italiane sono cresciute del 4,3% superando quota 205.000 e confermando la tendenza avviata nel 2013 (+9,5% in due anni).

Nel 2014 – spiega ancora l’Inps – i lavoratori domestici contribuenti all’Istituto sono diminuiti nel complesso di 54.940 unità (-5,8%) proseguendo la tendenza registrata nel 2013 sul 2012 (-5,1%) dopo il forte incremento registrato nel 2012, grazie alla sanatoria sui lavoratori extracomunitari irregolari. Le donne rappresentano la stragrande maggioranza della categoria con l’87% del totale (oltre 781.000 persone nel 2014), percentuale in forte aumento dall’inizio della crisi (era al 78,3% nel 2009). I lavoratori domestici uomini si sono ridotti in modo consistente passando dai 212.441 del 2009 ai 117.037 del 2014.

Mentre diminuiscono i domestici nel complesso crescono quelli di nazionalità italiana (+4,3% nel 2014 sul 2013, +9,5% tra il 2012 e il 2014) con un aumento a livello regionale che segna il +15,5% in Calabria. I domestici stranieri diminuiscono tra il 2012 e il 2014 nel complesso del 15%. Solo nell’ultimo anno le colf stranieri sono diminuite del 14,7% in Campania e del 13,1% in Calabria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *