• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Alimentazione, Salute

Le virtu’ dell’anguria (o cocomero).

Una bomba di vitamine, potassio e licopene, carotenoide antiossidante alleato di cuore e arterie e dotato di virtù anticancro. Buono, fresco e amato da tutti, il cocomero garantisce il pieno di sostanze benefiche a grassi zero, contiene pochi zuccheri ed è un valido alleato di dieta e salute anche perché povero di calorie e ricco d’acqua che ‘diluisce’ il potere glicemico, evitando picchi di zucchero nel sangue.

Come spiegano gli esperti sul New York Times, il cocomero è ricco di nutrienti come vitamine A, C, B e potassio. Tuttavia, precisano gli esperti, il vero surplus di questo frutto è il contenuto in licopene, pigmento che le regala il tipico colore rosso intenso e che in vari studi ha dimostrato un effetto protettivo sul sistema cardiovascolare, un’azione anti-ictus e un possibile ruolo nella prevenzione di  diversi tumori. Mangiare l’anguria, inoltre, può anche abbassare leggermente la pressione.

Il licopene si può introdurre anche consumando pomodori, soprattutto cotti. Tuttavia “il cocomero è meglio”, come spiega Penelope Perkins-Veazie, docente della North Carolina State University e consulente scientifica non retribuita del National Watermalon Promotion Board.

Come spiega la nutrizionista, dal punto di vista del contenuto in licopene, il cocomero è il più indicato e “la varietà senza semi ne contiene ancora di più”. Il licopene del cocomero è anche più facilmente assorbibile dall’organismo, come dimostra una ricerca condotta somministrando a due gruppi di volontari succo di pomodoro o cocomero.

Il cocomero, privo di grassi e pieno d’acqua, ha un bassissimo contenuto calorico: una tazza di anguria tagliata a pezzi fornisce appena 45 calorie circa. In molti temono che l’anguria contenga troppo zucchero, ma “questo è un po’ un equivoco”, osserva Jennifer McDaniel, portavoce dell’Academy of Nutrition and Dietetics. Perché mentre una tazza di cocomero apporta circa 9 grammi di zucchero, una banana di taglia normale ne contiene 14-15 grammi, come pure una tazza di mirtilli.

Infine, sebbene nel cocomero l’indice glicemico ( parametro che misura la capacità di un cibo di aumentare rapidamente i livelli di zucchero nel sangue) sia alto, l’effetto viene smorzato in quanto questo frutto è ricchissimo d’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *