• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Alimentazione, Cucina, Salute

LO ZENZERO, UN OTTIMO ALLEATO CONTRO L’INFLUENZA

Oltre ad essere un ottimo rimedio contro i sintomi influenzali, lo zenzero è anche ritenuto attivo nell’aumentare la motilità del tratto gastrointestinale, nello svolgere un effetto analgesico, sedativo, antibatterico e antipiretico.

Lo zenzero, spezia orientale dalle molteplici virtù, rappresenta un ottimo alleato contro tosse e influenza. In questi casi, infatti, il decotto è la bevanda ideale contro i sintomi dell’influenza.

Come preparare il decotto

Si prende una radice fresca di zenzero o, in mancanza, la polvere. Partendo dalla radice, si elimina la pellicina esterna, per poi tagliarne un paio di fettine sottili. Queste andranno poste in un pentolino con 250 ml di acqua fredda, poi si accenderà il fuoco. Quando l’acqua sarà arrivata a ebollizione la si lascerà continuare per una decina di minuti. Quindi si spegne il fuoco e lascia in infusione per qualche minuto. Infine, si dovrà filtrare con un colino e bere ancora caldo.

Le proprietà dello zenzero

Oltre ad essere un ottimo rimedio contro i sintomi influenzali, lo zenzero è anche ritenuto attivo nell’aumentare la motilità del tratto gastrointestinale, nello svolgere un effetto analgesico, sedativo, antibatterico e antipiretico.

A contraddistinguere lo zenzero è il suo sapore piccantino ed è proprio questo che ci dà una sferzata di energia immediata. Chi beve il decotto quotidianamente noterà subito che si ha la sensazione di essere meno stanchi e di aver più voglia di muoversi: merito del suo effetto sul metabolismo e la digestione. Lo zenzero, infatti, migliora il livello digestivo, riducendo anche la tipica stanchezza post prandiale.

Lo zenzero è utile anche nei pazienti che soffrono di colite ulcerosa, infiammazione intestinale, sindrome del colon irritabile e morbo di Crohn. A suggerirlo sono stati alcuni ricercatori dell’Atlanta Veterans Affairs Medical Center e dell’Istituto di Scienze Biomediche presso la Georgia State University.

Fonte notizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *