Senza categoria

L’UNIONE DEI COMUNI ANDRANO SPONGANO DISO PRONTA AD ALLARGARSI: FIRMATO MEMORANDUM CON CASTRO

Nell’Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso è prossimo a fare il suo ingresso anche il Comune di Castro. Il 2 febbraio scorso, la firma del Memorandum d’intesa, a cui seguiranno le deliberazioni in Consiglio.

A vent’anni di distanza dalla sua costituzione, l’Unione dei Comuni Andrano Spongano Diso è pronta ad allargarsi: nel pomeriggio di mercoledì 2 febbraio, presso il municipio di Diso, è stato firmato il memorandum per l’adesione del Comune di Castro. Il documento è stato sottoscritto dai quattro sindaci Salvatore Musarò (primo cittadino di Andrano e attuale presidente dell’Unione), Luigi Rizzello, Salvatore Coluccia e Luigi Fersini, oltre che dal segretario generale Giuseppe Rizzo.

A seguito della richiesta di ingresso avanzata dal Comune di Castro nel settembre 2020 e nel maggio 2021, il 21 maggio scorso si è tenuto un incontro informale, da cui è emersa in maniera chiara la necessità di definire alcuni aspetti programmatori del percorso di adesione. I successivi passaggi istituzionali hanno portato a deliberare l’adesione di Castro alla Commissione Locale per il Paesaggio dell’Unione e a modificare lo Statuto dell’ente per consentire l’allargamento a eventuali nuovi contraenti. Il dibattito che ne è derivato in seno agli organi dell’Unione è stato approfondito e stimolante e ha coinvolto anche le formazioni politiche e amministrative dei singoli Comuni.

 “La richiesta di un allargamento a Castro – dichiara il presidente dell’Unione, Salvatore Musarò – è stata l’occasione per tracciare un bilancio sugli obiettivi raggiunti e sul livello di cooperazione istituzionale tra le strutture tecniche dei tre Comuni. Inoltre, ha fornito anche lo spunto per una riflessione sul ruolo dell’ente, da rafforzare e rilanciare, come da tutti auspicato. Non vi è dubbio che per rendere possibile ciò si debba partire dalla necessità di favorire politiche pubbliche integrate per lo sviluppo del territorio. Questa formula, per non essere vuota, deve necessariamente legarsi al perseguimento di alcuni obiettivi specifici. Si rende necessario, quindi, un approccio nuovo e diverso dei singoli enti, che dovranno abbandonare la visione campanilistica e guardare all’intero territorio dell’Unione allargata, facendo leva sulle specificità del capitale umano e sociale delle nostre comunità”.

A breve, dunque, il Consiglio comunale di Castro sarà chiamato a prendere atto dello Statuto dell’ente e del protocollo d’intesa firmato. Successivamente, sarà il Consiglio dell’Unione a deliberare l’allargamento, con conseguente modifica del proprio Statuto. “Ringrazio i colleghi sindaci, ai quali ho riferito che le nostre comunità si arricchiranno dal punto di vista culturale e sociale. Sono sicuro che assieme faremo grandi cose”, commenta il primo cittadino di Castro, Luigi Fersini.

Il nuovo scenario dell’Unione dei Comuni

Con l’ingresso di Castro, l’Unione si arricchirà di un patrimonio culturale, storico e naturalistico importantissimo e strategico. Si ricostruiranno così, sul piano istituzionale, quelle relazioni che nei fatti non hanno mai cessato di manifestarsi nel tessuto economico e sociale locale.

Sui quattro Comuni che comporranno l’Unione – rimarca il sindaco di Diso, Salvatore Coluccia – ben tre ricadono all’interno del Parco regionale Otranto-Santa Maria di Leuca: ciò potrebbe consentire una maggiore omogeneità nel favorire azioni integrate nel campo delle politiche ambientali e per la valorizzazione turistica dei luoghi, in osmosi con l’entroterra”.

Un altro punto di forza è da rintracciare in una maggiore integrazione delle competenze e dei saperi che si manifestano nelle diverse attività economiche del territorio. “A tal proposito – aggiunge il primo cittadino di Spongano, Luigi Rizzello – riteniamo strategici il rafforzamento e la maggiore integrazione della programmazione di eventi culturali, ricreativi e sportivi, non limitati alla stagione estiva, con il coinvolgimento soprattutto degli attori locali del terzo settore, dei portatori di interessi diffusi ed altri soggetti del privato sociale”.

Gli impegni assunti con la firma del memorandum

Sono nove gli impegni di massima individuati nel documento sottoscritto mercoledì. Tre le direzioni individuate: omogeneizzare i servizi già presenti, rafforzare la struttura dell’Unione e allargare l’ambito di intervento integrato.

In cima a tutti gli impegni, vi è quello di istituire a livello di Unione dei Comuni la figura del Garante per le persone con disabilità. Poi, assicurare la messa a disposizione del proprio personale dipendente presso gli uffici dell’Unione, per garantire gli adempimenti necessari in base ai servizi associati, con la previsione di inserirne di nuovi servizi, come la gestione di parcheggi a pagamento o la manutenzione del verde pubblico. Il terzo punto riguarda l’adesione di Castro ai servizi associati già attivati dall’ente, al fine di rendere conformi gli interventi su tutto il territorio. Altro fronte nevralgico è rappresentato della scuola: si punta a favorire l’ingresso di Castro nell’Istituto comprensivo statale di Andrano-Diso-Spongano ponendo in essere gli atti amministrativi necessari. Segue la pianificazione a livello di Unione di una progettazione condivisa nel settore turistico-culturale (e per quanto possibile anche urbanistico), secondo le peculiarità e caratteristiche dei singoli Comuni, ma in grado di rendere le comunità interessate un riferimento territoriale maggiormente visibile ed attrattivo. Allo stesso modo, ci si impegna a programmare in maniera integrata gli interventi finalizzati al recupero e valorizzazione del territorio e dei beni di valore storico-ambientale, culturale e paesaggistico. Dal punto di vista funzionale, sarà organizzata una struttura amministrativa propria dell’Unione; sarà istituita una struttura tecnica di supporto finalizzata a cogliere le opportunità offerte dalle varie misure di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali; saranno integrati per obiettivi, da definire con cadenza annuale, le funzioni e i servizi definiti dallo statuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.