Politica, Solidarieta', Tricase

IL M5S TRICASE: “RINUNCIAMO AL GETTONE DI PRESENZA E CREIAMO UN FONDO PER I MENO ABBIENTI”

Il M5S Tricase entrerà per la prima volta in Consiglio Comunale ed è intenzionato a dare uno scossone alla politica locale lanciando fin da subito un’iniziativa volta a riavvicinare le istituzioni ai cittadini.

Come?
Istituendo un fondo attraverso la rinuncia dell’indennità di presenza per la partecipazione alle sedute del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari da parte di tutti i sedici consiglieri neoeletti.
In questo modo ogni anno si potrebbe creare un fondo di circa 6.000 euro, secondo gli ultimi dati di liquidazione disponibili (determina n. 400 del 17-04-2015
http://www.comune.tricase.le.it/…/Determinazione_N._400_del… )

La destinazione delle somme risparmiate potrebbe essere decisa in seno al Consiglio stesso o, ancor meglio, consultando i cittadini per recepire ciò che loro considerano prioritario.

Si potrebbe pensare di destinarle a persone economicamente svantaggiate, oppure istituire un “Taxi sociale”, ossia un servizio predisposto dall’Amministrazione comunale dedicato al trasporto di anziani, disabili, soggetti bisognosi, oppure ancora delle borse di studio per quei giovani studenti meritevoli ma economicamente sfavoriti rispetto ai propri compagni di scuola.

Di idee e proposte se ne possono fare tante perché tante sono le carenze della nostra cittadina.
Si tratta di piccole somme ma è un punto di partenza, un segnale che vorremmo dare alla nostra comunità in questo periodo storico difficile per tutti.

Questa sarà una delle nostre prime proposte e vedremo quanti dei nuovi consiglieri eletti saranno d’accordo, dimostrando di avere quello spirito di servizio di cui la nostra comunità ha fortemente bisogno da parte della politica.

Avanti tutta!

P.S.: Precisiamo che a prescindere dalla decisione degli altri consiglieri comunali, la portavoce del M5S Francesca Sodero rinuncerà comunque al proprio gettone di presenza.

1 Comment

  1. Buona iniziativa pensare agli altri. Nel mio paese ho lanciato l’idea, ma non credo che qualcuno la raccoglierà… Siamo solo in pochi che pensiamo agli altri. Poi alla fine diremo anche “chi me l’ha fatto fare”, ma almeno ci abbiamo provato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *