• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Asl, Cronaca, Salento

MANGIANO FUNGHI RACCOLTI IN UN BOSCO, FAMIGLIA INTERA FINISCE IN OSPEDALE

SALENTO – E’ accaduto domenica scorsa. Un nucleo familiare composto per metà da «leccesi» e per metà della zona di Taranto ha consumato dei funghi che erano stati raccolti in un bosco «sottoquercia» della zona di Manduria.

Dopo averli impanati e fritti li hanno mangiati nel corso di un festoso pranzo di famiglia.

Si tratta dei  “Boleti a pori rossi”, funghi tipici del Salento e del periodo. Spesso vengono scambiati dai meno esperti per “porcini”, essendo di colore giallo cangiante.

E’ una specie – avvertono i micologi – che se non viene sottoposta a una cottura prolungata in acqua, conserva tutta la tossicità.

Ed è quello che è accaduto allo sfortunato nucleo familiare, considerato che la frittura non è una “cottura prolungata”. Per conseguenza, nello stesso pomeriggio si sono manifestati i primi dolori allo stomaco, tanto da doversi recare al Pronto soccorso.

Giunti nella struttura sanitaria di emergenza, i componenti sono stati ripartiti: 4 sono stati ricoverati al nosocomio di Gallipoli, mentre gli altri due, fra cui un bambino di 17 mesi, al “Vito Fazzi” di Lecce.

I medici di turno dei due Pronto soccorso hanno richiesto il supporto scientifico dei micologi della Asl, i quali hanno prontamente individuato e classificato la specie fungina che ha causato la sindrome gastro-enterica “ad esordio rapido”.

Grazie alla preparazione dei micologi del Dipartimento di Prevenzione della Asl (che sono tenuti a garantire la reperibilità in ogni momento ) si è potuto appurare che l’incauta famiglia è rimasta intossicata dal  “Boletus pulchrotinctus”, chiamato comunemente “munitula turragna”. Una specie fungina che alcuni incalliti “fungaioli” consumano dopo una lunga cottura. Se malauguratamente fosse stato consumato il “Boletus satanas” , molto simile al pulchrotinctus,  – hanno spiegato i micologi – le conseguenze sarebbero decisamente peggiori.

In ogni caso i micologi non si stancano di sconsigliare fortemente di consumare il “boletus pulchrotinctus”, perché – dicono – fa male comunque. E di consumare sempre funghi muniti della certificazione micologica della Asl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *