Cronaca, Politica, Tricase

IL MEETUP 5 STELLE PER TRICASE ESPRIME SOLIDARIETÀ AL DOTT. LUIGI MUCI

Caro Cittadino di Tricase, facciamo un esperimento.

Immagina di essere il Sindaco e di ritrovarti a gestire un’amministrazione in cui sono presenti vari responsabili di servizio. Molti di questi, la maggior parte, sono stati colpiti da condanne, rinvii a giudizio e multe salate, anche a spese dei cittadini, onorari legali compresi.

Poi immagina di avere in organico un dirigente, il comandante della polizia municipale, insignito di numerosi riconoscimenti da parte delle autorità di pubblica sicurezza per aver condotto numerose indagini e presentato numerosi esposti al fine di difendere la legalità, raggiunto, probabilmente proprio a causa della sua attività, da minacce di morte. Nei panni del Sindaco non metteresti forse in dubbio la posizione di tutti i dirigenti e premieresti il Comandante?

Bene! Ma basta sognare, veniamo alla cruda realtà!

Dopo aver letto i decreti di nomina dei nuovi responsabili di servizio, siamo scioccati dalle modalità sommarie e vendicative con le quali il Sindaco di Tricase è pervenuto alla sostituzione del Comandante di polizia locale, confermando tutti gli altri responsabili.

Il Sindaco ha infatti ritenuto di non confermare l’incarico al dott. Luigi Muci per ragioni attinenti alle azioni di carattere penale che quest’ultimo ha promosso nel tentativo di individuare i responsabili delle minacce di morte ricevute, sol perché coinvolto personalmente nell’ambito delle indagini preliminari.

Nessuna valutazione dei meriti del Dott. Muci nello svolgimento dell’incarico, attestati, come detto, dai numerosi riconoscimenti da parte delle autorità di pubblica sicurezza.

È questo che merita Tricase? Che le nomine dei responsabili apicali delle strutture comunali avvengano sulla base delle esigenze di vendetta del Sindaco, senza alcuna considerazione delle qualità professionali e dei risultati ottenuti nello svolgimento dell’incarico?

Questo modo di agire, e di più trattandosi di un settore particolare quale è il Corpo di Polizia Municipale, manifesta l’inadeguatezza del Primo Cittadino ad agire nell’interesse della collettività, dando al contrario priorità ai propri sentimenti di vendetta.

Esprimiamo la nostra più piena solidarietà al dott. Muci, del cui operato in difesa della legalità sul territorio, come cittadini e attivisti di Tricase, non possiamo che andare fieri ed essere riconoscenti.

Auspichiamo che nelle more della sostituzione del vertice politico il dott. Muci, nell’interesse della comunità tricasina, in quanto validissima risorsa della dotazione del Comune, sia destinato ad un incarico che sia all’altezza delle sue qualità culturali e competenze professionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.