Cronaca, Specchia

MINACCIA DI LICENZIAMENTO E BUSTE PAGHE BASSE, A PROCESSO UN IMPRENDITORE.

SPECCHIA (Lecce) – Minacciate di licenziamento se non avessero firmato buste paga con importi salariali differenti da quelli realmente corrisposti. E l’imprenditore P. Z., 56 anni di Specchia, è stato così rinviato a giudizio dal gup Stefano Sernia con l’accusa di estorsione aggravata.

Il processo si aprirà il prossimo 7 maggio dinanzi al giudice Angelo Rizzo. Sette lavoratrici, residenti tra Specchia, Tricase e Taurisano, si sono costituite parte civile con l’avvocato Giuseppe Gennaccari e hanno chiesto un risarcimento danni di 50 mila euro ciascuna. E’ stato invece disposto il non luogo a procedere nei confronti di altri due coimputati di Z., accusati sempre dello stesso reato.

L’inchiesta è stata avviata con un esposto presentato dalle dipendenti che lavoravano per conto della società “Solo Donna” come operaie addette al confezionamento di capi d’abbigliamento con differenti mansioni. Il rapporto di lavoro era stato avviato tra il 2002 e il 2003 ed era proseguito, senza soluzione di continuità sino al momento dell’accesso ispettivo da parte degli organi preposti. Nel corso delle indagini condotte dal sostituto procuratore Massimiliano Carducci sono stati prodotti dalle lavoratrici gli importi riportati in busta paga e quelli percepiti. C’è dell’altro. Secondo quanto denunciato, le cifre riportate nelle buste paga (tra gennaio e maggio 2011) si dovevano ritenere sproporzionate alla quantità e alla qualità del lavoro prestato con riferimento all’articolo 35 della Costituzione.

In realtà, le odierne parti civili lavoravano per otto ore al giorno, dal lunedì al venerdì, pur risultando un orario inferiore. E le presunte estorsioni sul posto di lavoro furono anche confermate dalle dichiarazioni fornite dalle dipendenti non appena gli ispettori eseguirono l’ispezione. Ora l’imprenditore, assistito dall’avvocato Giuseppe Russo, potrà difendersi da ogni accusa con l’avvio del processo.  

Fonte: F. Oliva – Corrieresalentino

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *