• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Approfondimenti, Salento, Sport

MOTOGP SULLA LITORANEA OTRANTO – LEUCA… (VIDEO)

SALENTO -Sciagurati motociclisti che scambiano la litoranea Otranto – Santa Maria di Leuca o la circonvallazione della “Cosimina”,  per una pista da MOTOGP, mettendo in serio pericolo le vite dei ciclisti e non solo. Questo avviene regolarmente ogni Sabato e Domenica pomeriggio sulle nostre strade.

Spesso, proprio nei fine settimana, la litoranea adriatica salentina, e’ frequentata dai motociclisti partecipanti probabilmente, almeno da quello che si vede a vere e proprie corse clandestine durante le quali lanciano le moto a folli velocita’ sui pochi rettilinei oppure testano la propria abilita’ nei continui tratti curvilinei.

Come si puo’ ben vedere nel video pervenuto e postato sotto, i centauri le tentano davvero tutte, giocano a sfiorare i ciclisti e il fenomeno e’ tutt’altro che occasionale o circoscritto.   A parziale discolpa c’è da dire che il fenomeno riguarda solo una piccola parte di centauri scalmanati, la grande maggioranza dei motociclisti infatti è educata e convive serenamente con i ciclisti e buona parte di loro è appassionato sia ad un mezzo che all’altro. Sono evidenti, quindi, agli occhi di tutti, i rischi per l’incolumità di tutti coloro che percorrono i tratti di strada prescelti da questi scalmanati, incuranti delle più elementari regole della sicurezza stradale e delle norme inserite nel Codice della Strada.

In primavera e in estate il fenomeno registra un netto calo anche a causa dei numerosi controlli effettuati dalla Polizia Stradale di Lecce e dagli agenti del Commissariato di Otranto. Nel corso dell’autunno  il rischio di incrociarli torna ad essere concreto.  Il problema è che le armi in mano alle forze dell’ordine sono spuntate. È difficilissimo contestare a qualcuno di partecipare a corse clandestine. Tutto ciò che possono fare gli agenti è fermare (quando riescono) i motociclisti e contestare il superamento del limite di velocità. Ma si tratta di sanzioni amministrative. Condividete per sollevare il problema e sollecitare eventuali soluzioni.

 

1 Comment

  1. Guarda caso chi ha effettuato il video era un motociclista negli anni passati! con relativo ginocchio a terra sulla strada pubblica… https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10200363577604151&set=p.10200363577604151&type=3&hc_location=ufi

    e cmq… i cari ciclisti danno fastidio anke alle automobili, (in qnt pochissime volte camminano in fila indiana, ritrovandoteli dietro le curve in gruppo causando a volte anke incidenti per poterli evitare), e come mai non hanno le luci ant e post e i relativi catadiottri? sanno che devono avere anke loro l’ASSICURAZIONE? e che devono avere anke un dispositivo acustico tipo clacson?e che se in torto si DECURTANO i punti della PATENTE anke se sono in bici? ma ovviamente la colpa è sempre di chi ha un motore sotto i piedi, e che ha una passione diversa, anke se si la velocità è eccessiva, non tutti usano la moto in modo pistaiolo….. vorrà dire allora che si deve ritornare alle care vecchie abitudini, tipo la caccia? Purtroppo l’essere nato al sud ti implica il NON avere nessun tipo di servizio per i tuoi hobby, tipo una pista dove poter andare a regolarmente ad espletare le proprie passioni… (vedi l’emilia e buona parte del nord a partire da Roma in su, ha diverse piste, ma qui la Regione Puglia non rilascia autorizzazioni x poter costruirne una, l’unica esistente in puglia è a Binetto, in Bari ed è a male pena utile x le cilindrate 600 cc).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *