Ambiente

NO ALLO STABILIMENTO BALNEARE A SANTA MARIA DI LEUCA.

progetto stabilimento Marchiello
SANTA MARIA DI LEUCA (Lecce) – A Santa Maria di Leuca nasce il comitato “Sos Marchiello”, che si oppone alla realizzazione di uno stabilimento balneare in uno dei posti più affascinanti del Salento, all’estrema punta del Tacco.
L’invito che il neo comitato fa ai cittadini indignati è di mobilitarsi, anche se, come afferma in una nota,l’iter progettuale risulta regolare, essendo autorizzato dalla precedente amministrazione comunale di Castrignano del Capo. “L’attuale amministrazione ha cercato di tenere fermo il tutto con la scusante del Piano Coste” – si continua a leggere – ma alla fine gli intestatari hanno fatto ricorso al Tar di Lecce, che ha nominato un commissario ad acta, il quale ha “imposto” al Comune di rilasciare


i permessi a costruire. E oggi quindi ci sono tutte le autorizzazioni per realizzare l’opera”.

Per il comitato, in questa vicenda, come in tante altre del nostro Salento, “si evidenzia chiaramente una guerra in atto tra “affari” e “Beni Comuni”, per colpa di una politica spesso incapace di trovare le dovute mediazioni e di moderare gli appetiti del business sfrenato”.
“Sos Marchiello” si rivolge agli attuali amministratori di Castrignano del Capo, chiedendo loro di “prendere con coraggio la via della difesa dei beni comuni”. E invitano, infine, gli stessi detentori del progetto “a un atto di generosità e di amore per questa terra, rinunciando a una “invasione inutile” (seppure autorizzata) nei ricordi e negli affetti della collettività dei cittadini salentini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.