• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
A futura memoria, Agricoltura, Ambiente, Politica, Puglia, Salento, Salute, Societa', Tap

“NO TAP” PER DEI SEMPLICI MOTIVI…..

In un resoconto Arpa puglia 2011, lo stesso ente boccia in tutto e per tutto TAP, impatto ambientale, impatto sulla salute, potenziali rischi non citati.
di Antonio Mauro
No, non per la scusa degli ulivi che vengono sradicati. Questa è, e rimane una lamentela futile, in quanto gli ulivi verranno ripiantati nello stesso posto e oramai ahimè sono già stati potati. (Inoltre il tubo sarebbe interrato, quindi ad impatto visivo 0.)
Il No alla Tap ha tematiche molto più importanti.
In primo luogo nei report di Tap Italia, non si fa riferimento agli effetti che questo mostro avrà sulla salute degli abitanti di Melendugno e limitrofi.
In un resoconto Arpa puglia 2011, lo stesso ente boccia in tutto e per tutto TAP, impatto ambientale, impatto sulla salute, potenziali rischi non citati. A tutto questo la Snam ha cercato di mettere una pezza, trovando un accordo di 18 milioni di euro con i managers di tap da devolvere al comune di Melendugno (Che prontamente a rifiutato).
Nel progetto Tap inoltre si omette e non si cita quali saranno nel corso e nel proseguo dell’opera, le emissione di gas nocivi quali (pm10, nox, no2 e co). Sulla quale omissione un’anno fa, il M5S ha presentato in parlamento un’interrogazione parlamentare, alla quale non si è saputo dare risposta.
Inoltre nel progetto Tap non sono specificate nemmeno le tempistiche e lo smaltimento dei materiali di scarto quali (6500 Carichi). Come ultima beffa, c’è l’approdo stesso. A San foca, per poi risalire per 55 km verso lo snodo presente nel Brindisino. Questo Progetto non ha senso per il Salento. Vi posterei gli articoli uno per uno ma sono tanti. Mi limito a postarvi il resoconto Arpa
Mauro Antonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *