• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Societa', Sport

Nociglia premia mister Camillo Placi’ con lo “Schiaccianoci d’oro”

NOCIGLIA –  In occasione della X edizione della Sagra del Noce, nella prima edizione del Premio, è stato consegnato lo “Schiaccianoci” d’oro a Camillo Placì, tecnico di volley, originario di Specchia, per i numerosi e prestigiosi risultati conseguiti nel campo sportivo a  livello internazionale e per il solido legame che conserva con il Salento.

Il riconoscimento, realizzato in cartapesta da un’artista locale Clara Manis, è stato consegnato a Placì dal presidente della Pro Loco Farnese Giuseppe Macculi e dal tecnico volley locale Ezio Ruggeri, che ha guidato La Farnese Volley Nociglia a vincere il Campionato Under 13 maschile Provinciale 2015-16.

Camillo Placì, nella prossima stagione sportiva sarà l’allenatore del Halk Bankası Spor Kulübü, squadra maschile di pallavolo, con sede ad Ankara, che milita nella massima serie del campionato turco. Il tecnico ha vinto la medaglia olimpica di bronzo come secondo della Nazionale russa nell’Olimpiadi di Pechino 2008, ricoprendo il ruolo di assistant coach di Vladimir Alenko,  è stato primo allenatore della Top Volley di Latina nella stagione 2015 – 2016, raggiungendo i play-off ed è stato vice di Nikola  Grbić nella nazionale maschile della Serbia e precedentemente  Direttore Tecnico del Al-Jaish Sport Club, società militante nel massimo campionato del Qatar.

Camillo Placì, nato a Specchia (Lecce) l’11 novembre 1956,nella stagione sportiva 2011 -2012 è stato Allenatore di Cuneo sfiorando la finale scudetto, come secondo della Nazionale Bulgara, alle Olimpiadi di Londra 2012, ha conquistato il quarto posto, come non accadeva al team dall’argento nei Giochi Olimpici boicottati di Mosca 1980. Ha conquistato il terzo posto, e conseguente altra medaglia di bronzo, nei Campionati Europei di volley 2009 con la Bulgaria, un risultato atteso a Sofia da 26 anni.

Collaboratore di Prandi a Cuneo sino al Campionato 2008 – 2009, insieme al quale, vinse la Coppa Italia A1 nella stagione 2005-2006, dalla stagione 2009 – 2010, sempre con Prandi, è stato Vice Allenatore della Pallavolo Modena, la “Juventus del volley” sino alla stagione sportiva precedente e con la Bulgaria, allenata da Radostin Stoytchev, ha partecipato alla World League 2010 e 2011 e agli Europei di Volley in Austria e nella Repubblica Ceca.   

Esperto tecnico di volley giovanile, per molti anni è stato uno apprezzato e accreditato talent scout per famose società di Serie A, il tecnico specchiese può annoverare un lungo cammino professionale iniziato in Puglia negli anni ‘80 con la Volley Specchia e poi con il Victor Village Ugento (A2, C1), il Calimera (A2) ed il Cutrofiano (A2), tra serie A e B maschili, il suo primo arrivo a Cuneo fu nel 1997, quando Silvano Prandi ebbe già modo di apprezzare la sua valida collaborazione. Poi, dopo alcune stagioni con Taviano (dalla C alla B1), Corigliano Calabro (B2, B1) e Pineto (B1), nel 2005 Placì fu chiamato nuovamente da Prandi per organizzare e seguire il settore giovanile di Trento.

Negli anni scorsi, per la sua competenza, professionalità e integrità morale, è stato nominato dal Comune di Specchia: “Ambasciatore Specchiese per i valori dello sport nel Mondo”, affinché egli divenga un modello a cui le nuove generazioni possano ispirarsi e testimonial, non solo ideale, ma con un ruolo ben più complesso come quello di rappresentare la comunità di Specchia diffondendo le buone pratiche dello sport.

Anche quando è lontano dal Salento, per guidare i più prestigiosi club di serie A e le nazionali estere, ha sempre conservato un ottimo rapporto con lo sport salentino, è anche Presidente onorario della Pallavolo Salve, ed è spesso ospite delle scuole salentine per incontrare e parlare ai ragazzi, dove in ogni occasione, sottolinea come l’attività sportiva aiuti i ragazzi a socializzare, a rispettare le regole, a conoscere il proprio corpo e i propri limiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *