Cultura, Eventi, Musica, Salento, Turismo

NOTTE DELLA TARANTA – LIGABUE E OSPITI INTERNAZIONALI – IL PROGRAMMA

Ligabue, ospiti internazionali (Bolando dal Sud America, Fanfara di Tirana dall’Albania, Bombino dalla Nigeria, Mari Boine dalla Norvegia, El Mehdi Nassouli e Unda Maris dal Marocco, Tucké dalla Turchia) e, ovviamente, gruppi di musica popolare si daranno il cambio sul palco del Festival ‘La Notte della Taranta’. Tra le novità proposte in questa edizione 2015, ci sarà l’omaggio a Sergio Torsello, direttore artistico del Festival dal 2003, scomparso nel marzo scorso.

La Fondazione, con il progetto Iliemu, ha scelto di ricordare l’impegno e la grande passione che hanno contraddistinto l’operato di Torsello nella tappa di Alessano, dando il via a serenate, balli e canti della tradizione, con Ambrogio Sparagna e i solisti dell’Orchestra Popolare Italiana.

Oltre alla presenza di diversi gruppi di musica popolare salentina, che negli anni hanno esportato la pizzica nel mondo, ci sarà la presenza dell’orchestra popolare Ndt ‘La Notte della Taranta’. Per la prima volta si esibirà prima del Concertone, nella tappa di Galatina, proponendo un medley dei migliori arrangiamenti dei maestri concertatori che si sono succeduti sul palco di Melpignano.

Il festival come da tradizione prenderà il via a Corigliano d’Otranto il 3 agosto nel Castello de’ Monti con l’intervento speciale di Salento Brass Project e Sorelle Gaballo. Si chiuderà il 19 agosto a Martano sempre con un’apertura speciale tra le mura del Castello Aragonese affidata a Rocco Nigro e Rachele Andrioli e alla Banda ‘Associazione musicale della Grecia salentina’. L’obiettivo è quello di coinvolgere non solo le piazze destinate ai concerti ma i luoghi d’arte frequentati dai turisti in un viaggio autentico nella musica di tradizione salentina.

Dopo sette anni il Festival farà tappa anche ad Andrano oltre che alle consuete piazze di Corigliano d’Otranto, Castrignano de Greci, Carpignano, Zollino, Sogliano, Martignano, Cursi, Calimera, Alessano, Galatina, Lecce, Soleto, Cutrofiano, Sternatia e Martano.

In questa edizione il festival si veste a nuovo, con 7 progetti speciali e 60 gruppi partecipanti. Sono previsti circa 500 mila visitatori complessivi nei 16 paesi del Salento, coinvolti nella ragnatela di concerti. Nelle notti del festival la pizzica si rigenera, raccontando tutta la sua attuale forza liberatoria. La ragnatela di concerti dei gruppi di tradizione non è solo ricca offerta turistica, ma soprattutto offerta culturale autentica.

L’ibridazione tra tradizioni affini, porta alla luce una comune radice e apre ogni anno incontri nuovi e inaspettati come quello con la Norvegia che verrà proposto nella tappa di Sternatia, del Sud America nella tappa di Corigliano e ancora una volta con la Nigeria di Bombino, nella tappa di Lecce.

Una particolare attenzione va al panorama musicale dell’alto Salento che si concretizza anche in una collaborazione con il Carpino Folk Festival e un ringraziamento a due figure che hanno reso possibile il rinnovarsi del Festival, in una nuova e più entusiasmante luce: Luigi Chiriatti (Direttore Artistico Festival La Notte della Taranta) e Massimo Manera (Presidente Fondazione La Notte della Taranta).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *