• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Agricoltura, Politica

OLIO TUNISINO, CASILI (M5S): “BASTA RETORICA, CONTROLLI PER COMBATTERE LE TRUFFE NOSTRANE”

“La Puglia non si lasci contagiare dalla questione dazi dell’olio Tunisino che tiene ancora banco e alimenta la retorica di chi fino ad oggi si è dimostrato poco attento a difendere le produzioni locali e i nostri produttori.” questo il monito del consigliere M5S Cristian Casili che prosegue la sua analisi con un appello diretto al ministro Martina:

“L’Italia produce circa 410 mila tonnellate, ne esporta 330 mila e ne importa 500 mila. E’ più l’olio importato di quello prodotto, segno che l’agroindustria olearia italiana gioca sporco già in casa nostra: spesso spacciamo come olio nazionale miscele di olio spagnolo, greco, turco, tunisino vendute a prezzi bassissimi. Il Ministro Martina farebbe bene se vuole difendere i fattori naturali, umani e ambientali del nostro Paese a definire procedure e controlli seri in casa nostra, solo così potremmo dire di difendere produttori, trasformatori e consumatori del miglior olio extravergine del mondo. L’agricoltura dovrebbe essere un progetto collettivo e territoriale, dobbiamo capirlo in fretta almeno noi in Puglia.”

Il consigliere pentastellato punta il dito contro le importazioni di prodotti scadenti e sottocosto dall’estero: come ad esempio le tonnellate di grano, spesso contaminate da micotossine, che nulla hanno a che vedere con le nostre varietà tradizionali, mentre i latticini e i formaggi pugliesi vengono penalizzati dall’importazione di sottoprodotti del latte a basso costo.

Secondo Casili l’agroalimentare pugliese e nazionale “è ormai sotto attacco da diversi anni” e spesso le denominazioni di origine ( DOP, IGP, DOC, etc.) esistono solo sulla carta e anzi vengono sfruttate dalle agromafie che hanno creato un mercato criminale, quello delle frodi, che frutta più di 16 miliardi di euro.

“A pagare – prosegue Casili – sono i nostri produttori onesti schiacciati da costi di produzione elevati e da un mercato scorretto che li ha praticamente messi fuori gioco. La Puglia ha a disposizione 1 miliardo e mezzo di euro, una dotazione importante per il prossimo quinquennio del PSR 2014-2020 e non dobbiamo fare l’errore del passato di realizzare una spesa che è stata più quantitativa che qualitativa. Queste risorse – conclude – siano destinate agli agricoltori che vogliono investire in un progetto locale che valorizzi le eccellenze pugliesi attraverso forme di agricoltura che puntino a migliorare la qualità di vita delle aree rurali e delle nostre produzioni.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *