• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cultura, Politica, Provincia di Lecce, Tricase

Palazzo Comi – Gabellone, Mazzeo, il Bando e le reiterate e strane omonimie…

LUCUGNANO – L’Islanda fa scuola anche in Provincia di Lecce!  E si consuma il balletto delle omonimie…

Mentre la ‪#‎Commissione‬ nominata dalla Provincia di Lecce ha completato la procedura di “analisi” delle offerte progettuali presentate per il Bando “Palazzo Comi e Circolo Cittadino di Lecce”, il ‪#‎Comitato‬ ha provato a ricostruire quali sono i soggetti che potrebbero ottenere l’affidamento trentennale.

Soggetti che potrebbero essere accomunati da legami e intrecci vari.

Secondo le informazioni in nostro possesso, sarebbero due le ‪#‎offerte‬ progettuali presentate (in busta chiusa) alla Provincia di Lecce, per la partecipazione al Bando “Palazzo Comi e Circolo Cittadino.

La ‪#‎prima‬ offerta è di Axa S.r.l., azienda operante nei ‪#‎servizi‬ ‪#‎ecologici‬ e‪#‎ambientali‬ che, solo negli ultimi anni, ha lanciato il suo “ramo”‪#‎AxaCultura‬.
Axa S.r.l. ha già avuto contratti e rapporti con la Provincia di Lecce.

La ‪#‎seconda‬ offerta vede protagonista un’ATI (associazione temporanea di imprese). ‪#‎Capofila‬ dell’ATI è la Protem S.r.l. di Lecce che avrebbe presentato l’offerta insieme al ‪#‎DAJS‬ (Consorzio Agroalimentare di Qualità Jonico Salentino, Gambero Rosso, Lecce Città del Gusto e Foresta Forte).

Protem S.r.l. è un’azienda che si occupa di ‪#‎Web‬ e‪#‎SocialMediaMarketing‬. Pubblica “SalentoDove” che è la rivista ufficiale del marchio Salento d’Amare – Pagina Ufficiale, marchio d’area di proprietà della Provincia di Lecce. La Protem gestisce per conto della Provincia di Lecce la gestione e promozione di quel marchio.

La Protem S.r..l gestisce, già, anche il Salento d’Amare Point che ha sede in Lecce presso il piano terra di ‪#‎Palazzo‬ dei Celestini. Protem S.r.l. paga alla Provincia di Lecce (proprietaria dell’immobile) un affitto di € 2.000,00 all’anno oltre iva, inclusi i costi di elettricità e riscaldamento.

Anche nel bando per “Palazzo Comi e Circolo Cittadino”, si parla del‪#‎marchio‬ Salento d’Amare. Tra i servizi aggiuntivi oltre a ristorazione/caffetteria compare la particolare “promozione del brand Salento d’Amare”.

È una ipotesi di riuso di servizi già affidati?

Ma facciamo un passo indietro… anzi di lato, e torniamo alla Provincia di Lecce.

Il ‪#‎SegretarioGenerale‬ della Provincia di Lecce si chiama Giacomo Mazzeo. Suo fratello, Maurizio Mazzeo, è amministratore unico di Nuova Salento Energia, società ‪#‎partecipata‬ della Provincia di Lecce. Lo stesso Maurizio Mazzeo (sempre fratello del segretario Generale della Provincia di Lecce) è direttore del DAJS (Distretto Agroalimentare di Qualità Jonico Salentino) che, in ATI con Protem S.r.l., Lecce Città del Gusto, Gambero Rosso Italia e Foresta Forte potrebbe avere la concessione per i prossimi ‪#‎30anni‬ di Palazzo Comi (e del Circolo Cittadino di Lecce).

Nel Consiglio di Amministrazione del DAJS siede il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone (anche se talvolta lo dimentica!). Allora c’è un Antonio Maria Gabellone, ‪#‎Presidente‬ della Provincia di Lecce, che bandisce l’affidamento in ‪#‎concessione‬ di due immobili, e poi c’è un omonimo Antonio Maria Gabellone, consigliere di Amministrazione del DAJS, che partecipa, in ATI, allo ‪#‎stesso‬ bando.

E con chi Antonio Maria Gabellone condivide questa “emozione”? La partecipa a Maurizio Mazzeo, Amministratore Unico di Nuova Salento Energia, fratello (o forse ancora un caso di ‪#‎omonimia‬?) del segretario generale della Provincia di Lecce, Giacomo Mazzeo.

Se tutto questo ‪#‎dovesse‬ essere confermato saremmo di fronte a una situazione gravissima di reiterate omonimie.

Una parte di Islanda, dove tutti i calciatori hanno il patronimico “son” c’è anche nel Salento.

O forse è il metodo Alfano?

Potrebbe essere la trama di un appassionante libro per l’estate, da leggere tutto d’un fiato sotto l’ombrellone… O, forse, è solo amara realtà.

‪#‎OccupiamociDiCultura‬

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *