• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Cultura, Lucugnano, Provincia di Lecce, Tricase

PALAZZO COMI: “IL PRESIDENTE GABELLONE SPIEGHI IL SUO CONFLITTO DI INTERESSI, NOI NON MOLLIAMO”

Ad oggi resta sospeso un Bando di Valorizzazione trentennale che interessa il Circolo Cittadino di Lecce e Palazzo Comi di Lucugnano. Ad oggi restano "in piedi" i dubbi espressi dalla Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio Brindisi, Lecce e Taranto di Lecce e di quella Archivistica per la Puglia e Basilicata di Bari.

Il DAJS (Distretto Agroalimentare di Qualità Jonico Salentino) ha finalmente il suo bel sito web (a questo link: http://www.dajs.it/index.php/it/)

Il consorzio DAJS gode dei fondi del Progetto “Implementazione Piattaforma Informatica PIT 8” – Risorse liberate POR Puglia 2000-2006, misura 6.2 c – Asse VI “Reti e Nodi di servizi”, che sono soldi pubblici.

Anzi, come si evince dal sito del Comune di Lecce (a questo link https://urly.it/21wus) “Obiettivo finale dell’attività dell’Ufficio Unico PIT 8 è la creazioni del Distretto Agroalimentare di qualità Jonico-Salentino” , che miri ad accrescere la qualità e la redditività delle produzioni locali ed a migliorare la competitività e l’efficienza del sistema agricolo ed agroalimentare, difendendo le tradizioni del territorio.”

Sostanzialmente PIT8 e DAJS sono la stessa cosa.

Curiosando nel sito ci accorgiamo che tra i “progetti” del DAJS c’è “La casa del Gusto” che fino a qualche settimana fa avremmo chiamato Città del gusto Lecce – Gambero Rosso. Anzi, in realtà, si chiama ancora così. Non a caso DAJS e Città del Gusto di Lecce hanno la medesima sede (Piazzetta Panzera – Ex Anagrafe a Lecce, stesso civico e stesso numero di telefono – vedi il link https://urly.it/21wuv). E ancora, secondo le informazioni in nostro possesso, il DAJS possiede il 10% delle quote societarie di Lecce Città del Gusto.
Si spiega in questo modo l’interessamento del DAJS per il Bando sul Circolo Cittadino di Lecce e Palazzo Comi di Lucugnano?

Ricordiamo infatti che a eseguire il sopralluogo per conto dell’Associazione Temporanea di Imprese (ATI che ha presentato offerta progettuale) tra Protem, Foresta Forte e Città del Gusto Lecce è stato proprio un rappresentante del DJAS (scopritelo a questo link: https://urly.it/21wur).

Lo sappiamo, è una storia complicata, ma ogni tanto è bello ricordare di questo strano intreccio.
Anche perchè la domanda delle domande è sempre la stessa: cosa ci fa Antonio Gabellone nel Consiglio di Amministrazione del DAJS? E come mai il direttore del DAJS (e del PIT8) è Maurizio Mazzeo, amministratore Unico di Nuova Salento Energia (società partecipata della Provincia di Lecce socio unico – vedi a questo link https://urly.it/21wuu) e fratello del Segretario Generale della stessa Provincia Giacomo Mazzeo)?

Queste persone, si decideranno prima o poi a spiegare la loro posizione che è “un tantino” in conflitto di interessi?

Per completezza di informazione ecco il CDA completo del DAJS (le cui info trovate anche a questo link: https://urly.it/21wut):

Presidente Consiglio di Amministrazione
Alessandro Candido

Vice-Presidente
Pantaleo Piccinno

Componenti:
Alessandro Candido (Presidente)
Pantaleo Piccinno (Vice-Presidente)
Santo INGROSSO
Aurelio Donato FUSCO
Antonio Maria GABELLONE
Paolo PERRONE
Cosimo DURANTE
Pietro DE PADOVA
Giuseppe COPPOLA

Direttore: Maurizio Mazzeo

Ad oggi resta sospeso un Bando di Valorizzazione trentennale che interessa il Circolo Cittadino di Lecce e Palazzo Comi di Lucugnano. Ad oggi restano “in piedi” i dubbi espressi dalla Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio Brindisi, Lecce e Taranto di Lecce e di quella Archivistica per la Puglia e Basilicata di Bari.

Rispetto a questo vorremo sapere dove e come sono conservate le offerte progettuali le cui buste sono state ormai aperte da mesi senza procedere ad assegnazione.

Siamo fiduciosi. Prima o poi qualcuno ci spiegherà quale logica si nasconde dietro questi strani incastri (e sono solo alcuni).

Noi continueremo instancabili a tenere acceso il nostro faro su questa vicenda.

#occupiamocidicultura
#palazzocomi
#casacomi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *