• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cultura, Eventi, Musica, Storia

PATU’ – 25 LUGLIO 5° EDIZIONE DE “LA SAGRA DELLA SCIUSCELLA”

PATU’ – Anche quest’anno torna l’appuntamento con la 5° edizione della Sagra “della Sciuscella”. La manifestazione organizzata dall’ Associazione ProLoco , con la collaborazione di AVIS e Comunita’ Cento Pietre Unite e tutta la comunità, e con il patrocinio del Comune, elegge a piatto tipico di Patù quello de “le Sciuscelle”. Un piatto tipico della cucina contadina realizzato con ingredienti diffusi nel passato nella cucina del Capo di Leuca. Durante la serata si potranno degustare oltre alle “sciuscelle” altre pietanze preparate secondo le antiche tradizioni dell’arte culinaria tramandata “da cummàre a cummàre”, con ingredienti selezionati esclusivamente tra gli alimenti prodotti nelle più vicine aziende agricole e zootecniche della zona, il tutto accompagnato da un buon vino locale. La musica popolare salentina diventa la protagonista della serata con il gruppo “ARIACORTE”.

ariacorte

Patù sorge nell’estremo lembo meridionale della penisola salentina su un declivio tufaceo digradante verso sud-ovest a 124 metri sul livello del mare. Il centro messapico si affaccia sul mare Ionio per circa 3 km con le località di Felloniche e Torre San Gregorio. Il territorio comunale confina a nord e a est con il comune di Castrignano del Capo, a ovest con il comune di Morciano di Leuca, a sud con il mare Ionio. Il suo nome deriverebbe dal greco Pathos o dal latino Patior ed è sorta sulle ceneri dell’antichissima Bareti, la leggendaria città della Messapia Antica. Dalle rovine del centro messapico ebbe origine l’agglomerato urbano di Patù fondato, secondo la tradizione, nel 924 da alcuni superstiti veretini che si spostarono più a valle. Durante il periodo feudale si avvicendarono varie famiglie: nel 1318 erano feudatari i Sambiasi; ad essi succedettero i Capece e i De Electis. Contemporaneamente appartenne alla Curia Vescovile di Alessano e al Principe d’Aragona di Cassano, passò poi ai Guarino ed infine ai Granafei.

Nel Paese salentino sono da visitare oltre alle Centopietre, riconosciuto “monumento nazionale di seconda classe”, la Chiesa di San Giovanni Battista, la Chiesa di San Michele Arcangelo, Palazzo Romano, la Torre del Fortino o Castello “Terra”, l’ Edicola votiva “Sant’Aloia”, la Chiesa della Madonna di Vereto e l’incantevole e suggestiva insenatura della marina di San Gregorio, una delle spiagge più incantevoli del Salento. Torre di San Gregorio è considerato uno dei siti più interessanti dal punto di vista archeologico; antico porto della città di Vereto, sono tuttora visibili sui fondali, resti di antichi edifici portuali di età Messapica. Tra i personaggi celebri ricordiamo Liborio Romano (1793 � 1867), Ministro dell’Interno e Prefetto di Polizia nel 1860 nel Regno di Napoli.

La ricetta: “le sciuscelle” per 4 persone

Ingredienti: 4 uova, 150 gr. di formaggio grattugiato, 100 gr. di pangrattato, 50 gr. di farina, un cucchiaio di prezzemolo tritato, sale, pepe, menta.

Procedimento: in una pentola, soffriggere in olio la cipolla e aggiungere la salsa di pomodoro; dopo la cottura aggiungere l’acqua, aggiustare di sale e far sobbollire il brodo per una mezz’ora.
A parte, in una terrina sbattere le uova e unire gli ingredienti, poi con un cucchiaio prendere un pò d’impasto e versarlo nella pentola con l’acqua in ebollizione, sino ad esaurimento della pastella e lasciare cuocere per trenta minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *