Attualità, Economia, Salento

PENSIONATI SALENTINI SENZA QUATTORDICESIMA – CGIL CHIEDE INCONTRO URGENTE A INPS

Cambiano i Presidenti INPS ma i problemi per i pensionati restano. Anche quest’anno, infatti, decine di pensionate e pensionati salentini, pur avendone diritto, con l’assegno del mese di luglio non hanno ricevuto la mensilità aggiuntiva, la cosiddetta quattordicesima, prevista dalle legge n. 127 del 2007. Una somma di cui possono beneficiare i pensionati con più 64 anni di età, che varia da 336 a 504 euro, proporzionata ai contributi versati, il reddito personale e la categoria della pensione.

Le motivazioni della mancata erogazione della prestazione, comunicate alla Segreteria nazionale del Sindacato Pensionati della CGIL e alla Direzione nazionale dell’INCA, prontamente intervenute a seguito della segnalazione della Segreteria provinciale dello SPI, sono state le stesse degli anni precedenti: la mancata acquisizione dei Modelli RED, ovvero la situazione reddituale dei singoli beneficiari. Eppure, lo scorso anno, l’INPS aveva promesso che simili situazioni non si sarebbero più verificate. E la stessa circolare n. 130 del 07.02.2015 del Direttore, dott. Massimo Cioffi, faceva ben sperare. Puntualmente, sia l’impegno dei dirigenti che i contenuti delle disposizioni nazionali, sono venuti meno. A pagarne le conseguenze ancora una volta sono le fasce più deboli dei cittadini: per beneficiare dell’assegno aggiuntivo, per il 2015, occorre avere un assegno mensile non superiore a 753,00 € e un reddito annuo di € 9.786,92, una volta e mezzo il trattamento minimo.

 Lo SPI Cgil Lecce ha chiesto un incontro urgente alla Direttrice provinciale dell’INPS, Rosanna Levari, per una verifica dei tempi di ripristino del diritto, affinché giungano a Roma le lamentele e le proteste delle pensionate e dei pensionati del Salento. 

Gli interessati dovranno presentare, comunque, domanda di ricostituzione di pensione, con la richiesta di liquidazione della 14.ma mensilità. Per farlo possono chiedere l’assistenza delle strutture comunali dello SPI e dell’INCA. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *