• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Ambiente, Regione Puglia

PUGLIA – DAL 2007 INDIVIDUATI 2.967 SITI INQUINATI.

PUGLIA – Sono 2.967 i siti inquinati individuati in Puglia dal 2007 al 2015. È quanto emerso oggi a Bari nell’incontro per il rinnovo della convenzione sul monitoraggio dei siti inquinati tra la Regione Puglia, il Comando Tutela ambiente del carabinieri, il Comando regionale Puglia della Guardia di Finanza, il Corpo forestale dello Stato regionale per la Puglia, l’Arpa ed il Cnr-Irsa.

Con la convenzione la Regione Puglia – all’incontro era presente il presidente della giunta pugliese, Michele Emiliano – ha destinato 550 mila euro alle forze dell’ordine con specificità nel campo della repressione dei reati ambientali, per l’acquisto e l’utilizzo di strumentazioni innovative e l’impiego di uomini e mezzi per il monitoraggio del territorio. Dai dati diffusi sull’attività di contrasto ai traffici illeciti di rifiuti e monitoraggio delle discariche abusive e degli abbandoni è emerso nell’incontro che i siti rilevati nel 2015 sono stati 194 rispetto ai 710 del precedente anno.

Secondo il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, “la riduzione dei reati è certo la spia di un effetto di deterrenza efficace. Si vedono gli effetti positivi della forte collaborazione tra gli investigatori e l’Agenzia regionale per l’Ambiente della Puglia. I tanti reati accertati significano – ha aggiunto Emiliano – una grande efficacia dell’azione investigativa, anche grazie all’impegno della Regione nel sostenere le forze dell’ordine nell’accertamento”.

Il governatore ha spiegato che per la Regione “si tratta di un investimento perché l’ente poi ricava in termini di sanzioni inflitte a chi ha violato le norme molto di più di quanto investe e spende”. “Spesso – ha sottolineato Emiliano – mal interpretando i dati si sostiene che la Puglia sia maglia nera nei reati ambientali. Noi siamo invece la maglia rosa come prima regione ad accertare reati ambientali e le violazioni. Dal punto di vista del rigore, della trasparenza, della determinazione nel perseguire questo tipo di reati, siamo tra le regioni guida in Italia”. Emiliano ha poi espresso un “encomio nei confronti del comandante del Corpo forestale in Puglia, Giuseppe Silletti, per tutto quello che ha fatto a tutela del patrimonio boschivo e ambientale oltre al ruolo svolto come commissario per l’emergenza Xylella”. Encomio anche per il direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, per “il senso di legalità, trasparenza, competenza e grande passione civile svolto in questi anni in cui è stato lo stratega delle idee e delle novità della Puglia in materia ambientale”. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *