Lavoro, Regione Puglia, Salute

PUGLIA: LA REGIONE RINUNCIA A 1 MILIONE E 800 MILA EURO DI RISPARMIO IN SANITA’.

La regione rinuncia a un risparmio di 1 milione e 800 mila euro annui, portando all’esterno il servizio informatico dell’Asl di Lecce. E’ quanto si legge nel volantino della USB che rappresenta la maggior parte dei lavoratori dediti all’attività CED (centro elaborazione dati) dell’azienda sanitaria salentina, che verranno spostati dalle dipendenze della sanità service, la società partecipata dell’Asl, alla cooperativa che sia aggiudicherà la gara di affidamento del servizio. Una decisione che preannuncia secondo il rappresentante sindacale Gianni Palazzo, la chiusura della stessa partecipata, nonostante la gestione a capitale pubblico, porti dei benefici in termini economici.

Per questa scelta politica, i lavoratori, sciopereranno.  In questa storia ci hanno messo la faccia anche consiglieri regionali di destra e sinistra, promettendo il loro impegno per mantenere il servizio informatico, all’interno della sanità service. Di fatto però le promesse sono state vane e la gara per l’affidamento del CED, non è stata bloccata, come ci si aspettava. Stessa cosa per quanto concerne la modifica delle linee guida regionali, che stabiliscono quali servizi devono essere garantiti dalle partecipate e quali no, modifica che, la USB, da un anno a questa parte, ha chiesto all’assessorato regionale di rivedere, ma invano. Così come vane sono state le numerose richieste di portare tutti i lavoratori di sanità service a tempo pieno. “Pentassuglia – dice Gianni Palazzo – ci ha preso in giro, quando il 13 aprile scorso in un incontro, ha assicurato ai lavoratori, che avrebbe portato in giunta la proposta di modifica delle linee guida, non solo, avrebbe discusso del full time e dell’eventualità di mantenere i servizi nella sanità service, prevedendo persino di inserirne degli altri. Ebbene, a distanza di due settimane dall’impegno preso dall’assessore regionale, nulla di tutto ciò è stato fatto.”

 

 

Fonte: Sanitasalento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *