• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Politica, Regione Puglia, Salute, Sanita'

PUGLIA, LA SANITA’ ARRANCA E EMILIANO AUMENTA GLI STIPENDI AI DIRIGENTI ASL

Fino a 40mila euro in più all'anno. Dirigenti premiati mentre la sanita' pugliese rimane agli ultimi posti per qualita' ed efficienza. Spending review addio e ritorno ai fasti del passato per i manager della sanità pugliese.

Fino a 40mila euro in più all’anno. Dirigenti premiati mentre la sanita’ pugliese rimane agli ultimi posti per qualita’ ed efficienza.

Spending review addio e ritorno ai fasti del passato per i manager della sanità pugliese. 

Con una delibera di giunta la Regione Puglia  ha aumentato di circa 40mila euro gli stipendi dei direttori generali, amministrativi e sanitari delle Asl.

Da luglio i compensi dei Direttori Generali passeranno dagli attuali 111mila a 154.937 euro.

Il Movimento 5 Stelle chiede al Presidente Emiliano di ritirare la delibera di Giunta che aumenta gli stipendi dei direttori generali ASL approvata di soppiatto nella giornata di ieri ma non ancora pubblicata.

“Non abbiamo assolutamente nulla contro gli aumenti di stipendio, purché questi per i direttori delle ASL così come per qualsiasi dirigente pubblico, siano legati al raggiungimento degli obiettivi – lo dichiarano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi che proseguono – Chiediamo dunque al governatore di fornirci dati che giustifichino questi aumenti sempre che gli sia possibile con un sistema sanitario allo sbando e liste d’attesa infinite per qualsiasi povero cittadino che abbia la necessità di farsi visitare.

Se il problema legittimo è quello di ristabilire la corretta gerarchia di trattamento tra o Direttori Generali e i Dirigenti medici e veterinari del SSR che naturalmente dovrebbero percepire di meno, si lasci invariato l’attuale stipendio dei DG, erogando a questi ultimi i premi già previsti dalla legge per il raggiungimento annuale degli obiettivi che, naturalmente, chiediamo vengano sempre relazionati e giustificati. In questo modo a trarre benefici sarebbero tutti i pugliesi.”

I cinquestelle stigmatizzano quello che è stato un vero e proprio colpo di mano da parte del Presidente/assessore Emiliano che già in altre due occasioni aveva provato a far approvare lo stesso provvedimento: una prima volta in aula, durante la discussione della legge sul Bilancio ed una seconda in Commissione Sanità. Entrambe le volte il provvedimento era stato bloccato grazie all’intervento del M5S. Questa terza volta Emiliano ha preferito bypassare la discussione approvando il provvedimento direttamente in Giunta.

“Emiliano aveva comunicato in campagna elettorale ai suoi elettori di questa sua intenzione, di aumentare di 40.000€ gli stipendi dei direttori generali delle ASL pugliesi? – incalzano i cinquestelle – Dirigenti che dunque, se percepissero i premi stabiliti nella misura del 20%, potrebbero arrivare a guadagnare oltre 150.000€ annui? Non possiamo non sottolineare inoltre come si sia tentati di approvare un provvedimento del genere talmente di nascosto e in fretta e furia da non trovarne traccia alcuna nemmeno nel resoconto del comunicato di Giunta. Dal momento che questa delibera non è stato ancora nemmeno pubblicata tra le delibere di Giunta – concludono – ne chiediamo l’immediato ritiro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *