• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Salento, Turismo

QUESTA SERA ALBERTO ANGELA SU RAI TRE ALLA SCOPERTA DEL SALENTO. “ULISSE”

Ulisse ci conduce nel Salento per far rivivere gli splendori di questa terra ricca di Storia, di cultura e di Arte. Il conduttore Alberto Angela raccontera’ l’antica arte dell’ estrazione dell’olio in un uliveto millenario.

SALENTO – Nella seconda tappa del viaggio in Puglia di Ulisse, il piacere della scoperta, in onda il 17 ottobre alle 21.45 su Rai Tre, vedremo Alberto Angela tra le varie zone del Salento. Si comincia da Lecce, dalle tante meraviglie barocche che caratterizzano la città. Palazzi, chiese, strade e, proprio nella piazza principale, i resti di un anfiteatro romano che presenta delle autentiche sorprese. Tra le viuzze del centro storico un antico laboratorio permette di scoprire i segreti di un’arte caratteristica del Salento: la lavorazione della cartapesta, materiale molto usato per le statue di santi da portare in processione.
Ulisse ci condurrà poi all’interno della basilica di Santa Caterina d’Alessandria, nella città di Galatina, uno dei tesori più preziosi della zona, dove sembra di trovarsi non più in Puglia, ma ad Assisi, grazie agli affreschi di sapore giottesco che decorano le pareti e il soffitto della chiesa.

Proprio a Galatina aveva il suo culmine, in occasione della festa di San Pietro e Paolo, il rito della taranta, fenomeno antico oggi scomparso e trasformato in occasione di festa nell’appuntamento annuale della Notte della taranta. Il mare con le tante grotte scavate dalle onde, come la celebre Zinzulusa, cittadine costiere famose nel mondo, come GallipoliSanta Maria di Leuca. E poi il bene forse più prezioso del Salento: l’olio.  Alberto Angela, in un uliveto millenario, racconterà l’antica arte dell’estrazione dell’olio. Infine, una visita nel Museo archeologico di Taranto, detto Marta, dove sono custoditi gioielli antichi che per la particolare raffinatezza nulla hanno da invidiare a quelli moderni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *