• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Attualità, Solidarieta', Tricase

RINASCE L’ADOVOS DI TRICASE

di Ercole Morciano (pubblicato su Il Volantino)

Sono in pieno accordo con don Ciotti quando afferma «Tonino Bello: non basta ricordarlo, bisogna trasformare il ricordo in memoria feconda, memoria viva». È quanto sta accadendo a Tricase dove, grazie all’impegno di un bel gruppo di persone, si sta lavorando per far rinascere l’Adovos, l’associazione donatori volontari di sangue, nata per l’impegno di tanti ma soprattutto per l’amore verso gli ultimi di don Tonino Bello.

Quando nel gennaio 1979 giunse parroco nella chiesa madre di Tricase, chi aveva bisogno di sangue si rivolgeva in primo luogo ai famigliari e agli amici e, quando fosse stato necessario, anche ad estranei a pagamento. Don Tonino si offrì volontario per un caso urgente – anche don Eugenio Licchetta, parroco di Caprarica e cofondatore Adovos, era tra i donatori occasionali – e da quella situazione contingente sarebbe partita l’idea di fondare a Tricase un’associazione di donatori stabili e organizzati, allo scopo di far sentire il problema del sangue, un problema della comunità e non solo del singolo o della sua famiglia.

Dopo un periodo di preparazione di alcuni mesi, con appelli personali rivolti nei vari ambienti, a partire da quelli ecclesiali, si cominciarono a raccogliere le adesioni e verso la fine di settembre del 1979, nella sala culturale della parrocchia di Caprarica, si tenne la prima assemblea pubblica. Di fronte all’alternativa tra un’associazione laica e aconfessionale e un’associazione più caratterizzata a livello religioso, si scelse la prima forma – e don Tonino era i sostenitori – perché il problema del sangue riguardava tutti ed era opportuno che nessuno si sentisse escluso per motivi religiosi o ideologici. E questo – diceva don Tonino – senza nulla togliere al significato profondo, speciale, che la donazione del proprio sangue rappresenta per il cristiano: un segno che va al di là dell’ambito puramente filantropico.

Si elesse il primo direttivo: presidente era Giovanni Pisanelli, vice-presidente Silvana Alcaino, segretario Gerardo Citto, ma vi erano pure altri del gruppo promotore tra i quali ricordo Osvaldo Litti, Carlo Errico, Vitale Marra e il dott. Emanuele Chiuri che diede un contributo rilevante sotto l’aspetto scientifico, organizzativo e nei rapporti con la struttura ospedaliera molto attenta all’evento: direzione generale, direzione sanitaria e reparto analisi. Il direttivo prese in fitto la sede, in via Pisanelli (ora S. Demetrio), si diede un programma e passò alla fase operativa che aveva due ambiti di lavoro. Il primo era quello di organizzare le donazioni e in prospettiva pensare ad una “banca del sangue”; l’altro era quello più propriamente culturale di suscitare nell’ambiente, a partire dalle scuole, la sensibilità verso il problema della donazione da guardare sempre nell’ottica della solidarietà e infrangendo le barriere dei “condizionamenti sociali”. Tutto andò bene perché a fine 1979 i soci erano giunti a quota 200 e all’attivo vi erano la campagna informativa nelle scuole e la mostra di pittura sul tema “Solidarietà e fratellanza”. L’associazione si consolidò sempre più; in seguito si trasferì in una sede più funzionale in via Tempio e giunse attiva fino al terzo millennio, quando entrò in crisi in seguito alla morte dell’infaticabile presidente Gerardo Citto.

Sosteniamo pertanto, anche in memoria di don Tonino e in continuità con la storia del volontariato a Tricase, la bella iniziativa di far rinascere l’Adovos. Vi stanno lavorando i due giovani commissari, Valentino Schirinzi e Luca Coppola (presidenti rispettivamente delle sezioni di Castrignano del Capo e di Alessano) e un numeroso gruppo di convinti promotori locali il cui referente è Roberto Zocco. Presso l’Acait si sono tenuti – e se ne terranno altri – vari incontri, tutti molto partecipati, per stimolare l’attenzione verso il problema della donazione e in vista dell’assemblea ri-fondativa che si terrà a settembre. All’ultimo di tali incontri – presenti i commissari – hanno parlato il presidente provinciale dell’Adovos “Messapica”, Giovanni Coluccia, sulle finalità dell’associazione e la dott.ssa Elisa Nescis, del centro trasfusionale, sui problemi sanitari e organizzativi (sua la proposta di intitolare a don Tonino la sezione Adovos di Tricase). Uno stand Adovos, ha informato Roberto Zocco, sarà allestito per la prossima festa di S. Antonio da Padova nei pressi della chiesa parrocchiale. Si potrà ritirare materiale informativo per sapere tutto sulla donazione del sangue o rapportarsi direttamente con i volontari e le volontarie per sentire, a viva voce, il racconto delle loro esperienze.

L’aspetto più interessante di tutta l’iniziativa è la risposta entusiasta che stanno dando le associazioni sportive di Tricase nei vari settori – e sono veramente tanti gli sportivi potenziali o che già sono diventati donatori – al richiamo di un trinomio, che farà certamente piacere a don Tonino, amante dello sport: Sport, Solidarietà, Donazione. La passione per la pratica sportiva, la solidarietà e la salute, unite all’attenzione verso il territorio e vissute in sinergia dalle locali associazioni sportive, gioveranno in primo luogo ai pazienti bisognosi di sangue o dei suoi derivati, gioveranno poi ai donatori perché si accorgeranno di ricevere in cambio il centuplo, gioveranno infine a tutta Tricase perché migliorerà il suo tessuto sociale e verrà confermata la sua ormai millenaria storia di civiltà.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *