• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Furto, Tiggiano, Tricase

RITROVATA A TRICASE L’ALTALENA INCLUSIVA RUBATA A TIGGIANO, NEI GUAI UNA 34ENNE

Il furto aveva suscitato sdegno e incredulita' nella comunita' tiggianese e non solo.

TIGGIANO – Ritrovata nell’abitazione di una 34enne residente a Tricase l’altalena per disabili rubata una settimana fa dal parco giochi alle spalle del Palazzo Baronale di Tiggiano (Leggi qui)

Il furto aveva suscitato sdegno e incredulita’ nella comunita’ tiggianese e non solo. Sdegno manifestato anche sui social network per il carattere particolarmente ignobile e odioso del furto. Sperando in un dietrofront degli autori, nei momenti concitati dopo la scoperta, il colpo non era stato denunciato formalmente, salvo poi doversi ‘arrendere’ di fronte alla mancanza di ripensamento del furbetto o dei furbetti in questione.

Ricevuta la denuncia, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia hanno immediatamente avviato le indagini che in mattinata hanno portato alla perquisizione dell’abitazione della 34enne.

Dopo aver setacciato le stanze, i carabinieri hanno scoperto un pezzo dell’altalena all’interno di uno sgabuzzino, dove era stata nasconda temendo che qualcuno, a causa del grande clamore che l’evento ha suscitato, la potesse riconoscere e notare nel cortile, dove era stata montata in un primo momento, come dimostrano alcune foto scattate dalla stessa donna e in memoria nel suo cellulare.

La ricettazione non è l’unico reato contestato alla 34enne: durante il controllo, infatti, sono spuntati fuori 40 grammi di marijuana in una busta e un bilancino elettronico perfettamente funzionante, tutto posto sotto sequestro.

La donna è stata denunciata a piede libero per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’altalena sarà riconsegnata il prima possibile agli piccoli aventi diritto, i bimbi con disabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *