• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Cronaca, Salento, Santa Maria di Leuca

S.M. DI LEUCA, BIMBA DI TRE ANNI RISCHIA DI ANNEGARE, SALVATA DAL BAGNINO

Dramma scampato questa mattina sulla spiaggia pubblica di Santa Maria di Leuca dove una bambina di tre anni ha rischiato di annegare in riva al mare.

S.M. DI LEUCA –  Una tranquilla giornata di relax al mare ha rischiato di trasformarsi in tragedia per una famiglia di Castrignano del Capo.  Una bimba di tre anni e’ stata salvata dalla prontezza del bagnino che le ha praticato il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale.

E’ successo stamattina sulla spiaggia pubblica di Santa Maria di Leuca. Nel giro di pochi istanti, pochi momenti in cui la mamma della piccola si è distratta per alcuni attimi, intenta a seguire con lo sguardo l’altro figlio: la bambina si e’ allontanata ed è caduta in acqua e a quel punto è scattato il panico.

La piccola dopo essersi dimenata in poco tempo ha ingurgitato un bel po’ d’acqua marina smettendo così di respirare. Una scena terribile per tutti i bagnanti presenti.

Le grida disperate della madre hanno richiamato l’attenzione di un bagnino del Lido Azzurro che è intervenuto con grande prontezza e capacità praticando alcune manovre cardio-respiratorie, riuscendo a far tornare a respirare regolarmente la bambina dopo averle fatto vomitato l’acqua ingurgitata, tra il sollievo generale, soprattutto della famiglia, rimasta in stato di schock nel vedere la loro figlia in quello stato, riversa in mare.

Poco dopo sul posto è arrivata poco dopo un’ambulanza del 118 che ha preso in cura la piccola, trasportandola all’ospedale “Panico” di Tricase.

Dopo gli accertamenti del caso i medici hanno scongiurato qualsiasi danno, ma si sono riservati di tenere sotto osservazione per alcune ore la bimba.

Dell’accaduto sono stati anche informati i Carabinieri della compagnia di Tricase.

La famiglia ha voluto ringraziare pubblicamente l’intervento del soccorritore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *