• Tricasenews.it è ancora in fase di aggiornamento, vi chiediamo un po' di pazienza qualora dovessero presentarsi rallentamenti o difficoltà nella navigazione. Grazie!
Senza categoria

S.S. 275 – IL SINDACO DI TIGGIANO: “UNA STRATEGIA COMUNE PER SALVARE LA STRADA”

Alla luce del recentissimo parere dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) sull’aggrovigliata vicenda della statale 275, è necessario avviare da subito un momento di concertazione per salvare il salvabile.

Siamo  tutti consapevoli che l’infrastruttura così com’è stata pensata e progettata non è utile al nostro territorio, al contrario della prima parte del tracciato, su cui tutti siamo d’accordo, Istituzioni, Comuni, Associazione e Cittadini.

Non voglio entrare nel merito delle vicende giudiziarie e amministrative, perché nessuno di noi conosce con esattezza quanto scritto nei fascicoli e sarà compito di chi è deputato allo scopo fare chiarezza. Come non voglio gioire davanti alla scoperta delle criticità che da tempo avevamo segnalato in diverse occasioni e in diverse sedi, perché  a nessuno è dato il diritto di speculare su tali vicende ma solo il dovere di mantenere alta l’asticella dell’attenzione.

Resta però la paura di un immediato sequestro del cantiere nel momento successivo all’apertura. Allora si che la statale sarebbe veramente a rischio.

Ricordiamoci che il territorio del Sud Salento vuole la strada, io per primo insieme ad altri miei colleghi sindaci, per garantire sicurezza in un lembo di Italia che ha puntato il timone verso il settore turistico. A questo punto cerchiamo di salvare il salvabile prima che sia troppo tardi, prima che qualunque decisione porti all’abolizione totale del procedimento e prima che i finanziamenti vadano in fumo. Ripeto e confermo la mia posizione che si unisce a quella di tanti che hanno a cuore le sorti di questo territorio. Puntiamo tutti insieme, al di là degli schieramenti politici e al di sopra di ogni fronte favorevole o contrario all’infrastruttura, a garantire il raddoppio delle corsie del tratto che va da Maglie a Montesano Salentino.

Messo questo paletto su cui c’è il totale accordo, avviamo un tavole di concertazione tra tutte le parti in causa, per progettare una viabilità sicura che conduca fino a Leuca ma che sia il risultato di una visione unitaria, che sappia mantenere e preservare l’integrità di questo magnifico ambiente e bandisca ogni qualsivoglia tentativo di speculazione.

Sono pronto da subito a favorire tale opzione e auspico che qualunque passaggio amministrativo da qui in futuro sia orientato verso lo scioglimento di una matassa che allo stato attuale è talmente ingarbugliata tanto da penalizzare sopratutto (oserei dire soltanto) i cittadini del Sud Salento, che in questa terra ci vivono e che chiedono solo e unicamente di percorrere strade sicure.

E’ giunto il momento di fare fronte comune per ottenere da subito due garanzie, che i finanziamenti al Sud Salento non prendano altre vie e che Anas divida il progetto dell’opera in due parti affidando subito i lavori del primo tronco tra Maglie e Montesano in attesa che si arrivi ad una soluzione comune e inappellabile per il secondo tratto.

I.Antonio MORCIANO

Sindaco di Tiggiano

Articolo pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno – concessoci dall’autore

2 Comments

  1. purtroppo il problema è proprio da Montesano in poi, in quanto bisogna attraversare
    4 o 5 altri paesi prima di arrivare a Leuca. O mi sbaglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *